lunedì 17 Febbraio 2020
Home Cronaca A far la spesa, in spiaggia, a giocare alle slot machine 13...

A far la spesa, in spiaggia, a giocare alle slot machine 13 nei guai, decine di indagati VIDEO

TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA). Al mercato a fare la spesa, in spiaggia a prendere il sole, in chiesa per un funerale, in tuta a fare sport, a giocare alle slot machine, avevano diversi modi di passare il tempo tranne fare davvero quello che avrebbero dovuto: lavorare al “polo sanitario” di Taurianova. Quanto sono riuscita a scoprire, attraverso complesse indagini i Finanzieri della Compagnia di Palmi (agli ordini del capitano Salvatore Leone) con il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi diretta da Ottavio Sferlazza. I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione
alla polizia giudiziaria, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale nei confronti di 13 dipendenti dell’Azienda Sanitaria Provinciale (Asp) di Reggio Calabria. Si è scoperto che i dipendenti in questione si facevano risultare in servizio, mentre in realtà erano soliti assentarsi dal posto di lavoro senza giustificazione e con una “allarmante sistematicità, per dedicarsi alle più disparate esigenze di carattere personale”, come hanno sottolineato gli inquirenti.
“Vi era chi si recava a giocare alle slot machine piuttosto che a fare la spesa”, commenta il comandante della Compagnia Salvatore Leone, “capitava che taluni indagati lo facessero sebbene risultavano in attività di straordinario nelle ore pomeridiane. In particolare un indagato, dopo aver consegnato il badge a un collega compiacente, si recava presso una locale struttura sportiva dove svolgeva l’attività di allenatore di una squadra calcistica del posto”.

A supporto delle indagini le numerose riprese video fatte dagli uomini agli ordini del capitano Leone dove i dipendenti raggiunti dal provvedimento erano intenti in ben altre faccende, approfittando anche della mancanza di controllo da parte dei rispettivi Dirigenti, dopo aver timbrato il badge o firmato il foglio di presenza, pur essendo preposti a rendere servizi essenziali per la collettività, anziché dedicarsi alle mansioni demandate, si allontanavano dal luogo di lavoro in maniera sistematica e consuetudinaria, per dedicarsi a tutt’altre attività. Ma non si limitavano alle assenze ingiustificate, in diversi casi anche quanto erano sul posto di lavoro “perdevano tempo”, dopo aver timbrato, stazionavano per ore nell’atrio del plesso sanitario. Le indagini hanno permesso di accertare che gli indagati, non solo non effettuavano le ore di servizio previste, ma addirittura attestavano falsamente l’effettuazione di straordinario, fino ad oltre 30 ore mensili. Un ulteriore caso emerso nel corso delle indagini ha riguardato un indagato che durante la stagione estiva riusciva a farsi certificare, con la compiacenza del medico di base, una condizione di malattia, assentandosi in tal modo dal lavoro ufficialmente per motivi di salute, quando, in realtà, si trovava presso un lido balneare di una nota località ionica del basso reggino a godersi una giornata di relax.

Ma quello che hanno riscontrato le Fiamme Gialle è anche un modo molto “leggero” di gestire e certificare la presenza quotidiana del personale in servizio tanto che esaminando, la copiosa documentazione acquisita presso gli Uffici preposti alla liquidazione degli stipendi dei dipendenti nonché dalle dichiarazioni rese in atti dai Responsabili degli uffici in questione, gli inquirenti riscontravano “gravi inefficienze organizzative e gestionali rispetto alle modalità di controllo e rendicontazione delle presenze del personale impiegato presso la struttura ASP in questione, tali da consentire la possibilità, di adottare all’interno dei singoli Uffici, in maniera arbitraria, variegate modalità di rendicontazione, in alcun modo rispondenti alle Disposizioni previste. In proposito è emerso che in una delle Articolazioni della struttura, non era adottato addirittura alcun sistema di rendicontazione e controllo delle presenze lavorative dei dipendenti”. Tredici sono i dipendenti raggiunti dalle misure cautelari, ma nel corso dell’operazione sono state altresì notificate 38 informazioni di garanzia, che hanno riguardato i destinatari del suddetto provvedimento, nonché ulteriori 25 indagati.
Un lavoro complesso, quello compiuto dagli inquirenti, che testimonia l’impegno della Procura e della Guardia di Finanza nel contrasto all’assenteismo che pesa sul buon funzionamento della Pubblica Amministrazione finendo per creare notevoli disagi proprio ai cittadini e a chi, invece, lavora con correttezza.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.
- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Al “Kobe Memorial Park” di Napoli la Nazionale Italiana di Basket

NAPOLI. Il "Kobe Memorial Park" di Napoli, domani martedì 18 febbraio, ospiterà la Nazionale Italiana di Basket. Una bella notizia per gli amanti della pallacanestro,...

Nasce un comitato per la riapertura di Piazza Europa: “Situazione paradossale”

SOMMA VESUVIANA. Riceviamo una nota che riguarda la chiusura di piazza Europa, tra via Napoli e via Milano chiusa ormai da anni. Si è...

Archeologia, vita quotidiana nelle città vesuviane: nuovi reperti al MANN

NAPOLI. MANN at work: riapre la collezione degli oggetti della vita quotidiana nelle città vesuviane. Dal 19 febbraio nuovamente fruibili, dopo il restyling, le...

Aversa. @scuolasenzabulli, Graziano: “Vittime 4 studenti su 10”

AVERSA. Bullismo, Graziano: “Vittime 4 studenti su 10”. Lo ha detto ad Aversa il presidente della commissione sicurezza sociale del Consiglio Regionale della Campania...

L’Amore Conta: tanti ospiti importanti per lo spettacolo in ricordo di Vincenzo Napoletano

CICCIANO. Avrà luogo domenica primo marzo, presso il teatro Nadur di Cicciano, il memorial di beneficenza a supporto dell’Associazione locale Amici a 4 zampe. Torna...
- Advertisment -