Afragola. Bruciano plastica e metalli, terribile incendio al sito di stoccaggio

Da Rete di cittadinanza e comunità

AFRAGOLA-CASORIA. Bruciano plastica e metalli, l’ennesimo sito di stoccaggio incendiato. La rabbia degli attivisti di Rete di Cittadinanza e Comunità: “La nostra terra brucia e voi?”.

In questi minuti una nube nera sta avvolgendo Casoria ed Afragola, ad andare a fuoco l’ennesimo sito di stoccaggio. Un capannone con plastica e alluminio è alle fiamme e naturalmente l’Arpac è in allerta massima per l’enorme danno ambientale provocato. Tutti i cittadini sono stati allontanati, non si esclude l’origine dolosa anche perchè dall’estate ad oggi non è il primo sito ad essere incendiato. Preoccupati e allarmati gli attivisti di “Rete di Cittadinanza e Comunità”” che con un post sono stati i primi a denunciare l’ennesimo “sfregio” alla salute pubblica e a documentare l’accaduto.  Su Facebook, la Rete dichiara: “Tra Casoria e Afragola, in terra di nuovi racket e guerra tra bande, prende fuoco un capannone di stoccaggio plastica e alluminio, Gruppo Cerbone. Tutti sul posto, gente allontanata, Arpac in allerta: sentiremo le solite chiacchiere e assisteremo alle solite passerelle? Quanti altri verranno a dirci che dobbiamo impegnarci di più, invece di provare a fare il loro lavoro? Quanti ancora parleranno di “balordi” e non di scenari criminali architettati ad arte dalle fin troppo note forze in gioco? E quanti ancora ci diranno che, nonostante le colonne di fumo nero, è sempre tutto a posto?
C’è solo una cosa che possiamo rispondervi: jatevenne, andate a casa. La nostra terra brucia e voi, come sempre, restate comodamente seduti sulle vostre poltrone”.