valeria valente
valeria valente

BRUSCIANO. Dopo i fatti criminosi dell’area bruscianese, soprattutto all’indomani dall’aggressione ai danni del sindaco Giuseppe Montanile, scatta l’interrogazione parlamentare della deputata democratica Valeria Valente, che sottopone la questione al ministro dell’interno Matteo Salvini.

La questione spinosa del quartiere popolare “219”, nota come piazza di spaccio, arriva a Roma, soprattutto dopo l’aggressione che il sindaco Giuseppe Montanile ha subito domenica mattina, recatosi in quel luogo con assessori e consiglieri comunali per contrastare la criminalità. E’ la deputata del Partito democratico Valeria Valente che con un’interrogazione parlamentare, ha sottoposto la questione al ministro dell’interno Matteo Salvini.

Di seguito viene pubblicata l’interrogazione

 

“Al Ministro dell’Interno
Premesso che,
nell’area metropolitana di Napoli si sta assistendo, negli ultimi mesi, ad una forte ripresa delle azioni intimidatorie finalizzate al controllo del territorio da parte della camorra ed in particolare nell’area nord;
considerato che,
nel Comune di Brusciano, si sono verificatigravi episodi tra i quali l’esplosione di colpi di pistola tra i passanti, nonché la ripresa delle attività di spaccio, in particolare nel quartiere di edilizia popolarenoto come “Legge 219”;
la predetta attività di spaccio è ripresa nonostante diversi interventi repressivieffettuatidalle forze dell’ordine,nel corso dei quali si è proceduto al sequestro di sostanze stupefacenti, nonché di armi e munizioni;
nella giornata di Domenica 10 Febbraio 2019 si è verificato un grave episodio di aggressione al Sindaco Giuseppe Montanile e ad alcuni assessori e consiglieri comunali nel predetto quartiere ex legge 219 da parte di alcuni personaggi contigui agli ambienti riconducibili alla criminalità organizzata. A quanto detto si aggiunga che l’aggressione come anche l’intensificarsi delle attività criminali avvengono mentre l’attuale Amministrazione,da poco insediata,sta conducendo importanti iniziative volte a garantire il mantenimento di una piena legalità in tutto il territorio comunale;
si chiede di sapere:
se il Ministro indirizzo sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali siano le sue valutazioni in merito;
quali iniziative il Ministro in indirizzo intenda intraprendere al fine di contrastare in maniera efficace la ripresa delle azioni della criminalità organizzata, nonché di garantire la tutela dell’incolumità fisica degli Amministratori locali, nonché dell’intera comunità di Brusciano”.