lunedì 17 Febbraio 2020
Home Attualità Anche a Napoli le pietre d'inciampo in memoria dei martiri del nazifascismo

Anche a Napoli le pietre d’inciampo in memoria dei martiri del nazifascismo

NAPOLI. Anche a Napoli le pietre d’inciampo per non dimenticare. Martedì 7 gennaio alle ore 9.30 l’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo, i proponenti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi con l’artista Gunther Demnig installeranno a piazza Borsa, all’altezza del civico 33, le pietre d’inciampo in memoria dei martiri napoletani del nazi-fascismo.

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli ha accolto con favore nei mesi scorsi la proposta avanzata dai giornalisti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi di commemorare le vittime della barbarie nazi-fascista attraverso l’istallazione a Napoli delle cosidette Stolpersteine o pietre di inciampo.
Le pietre di inciampo saranno dedicate alla memoria di Amedeo Procaccia, Iole Benedetti, Aldo Procaccia, Milena Modigliani, Paolo Procaccia, Loris Pacifici, Elda Procaccia, Luciana Pacifici, Sergio Oreste Molco, tutti membri della comunità ebraica di Napoli, costretti ad abbandonare le proprie case al momento della promulgazione delle leggi razziali per cercare rifugio altrove, tutti arrestati e deportati ad Auschwitz e assassinati dalla furia nazista.
L’artista che realizzerà l’installazione è il tedesco Gunther Demnig; le sue creazioni, le Stolpersteine, avviate in Germania nel 1995, sono ormai presenti in numerose città europee, per depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città , una memoria diffusa delle migliaia e migliaia di ebrei che furono deportati verso i campi di lavoro e prigionia e poi sterminati.
Viviamo anni in cui il mondo sembra aver smarrito la memoria di quanto accaduto e rigurgiti di ideologie che nel passato hanno causato orrore e morte sembrano riaffiorare. Oggi più che mai diventa imprescindibile lasciare indelebili i segni di quanto accadde, i nomi, le date di nascita e quelle di morte, i luoghi in cui hanno vissuto le vittime della follia omicida di chi per motivi di razza, lingua, sesso, religione o condizione economica si è arrogato il diritto di eliminare milioni di esseri umani.

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Al “Kobe Memorial Park” di Napoli la Nazionale Italiana di Basket

NAPOLI. Il "Kobe Memorial Park" di Napoli, domani martedì 18 febbraio, ospiterà la Nazionale Italiana di Basket. Una bella notizia per gli amanti della pallacanestro,...

Nasce un comitato per la riapertura di Piazza Europa: “Situazione paradossale”

SOMMA VESUVIANA. Riceviamo una nota che riguarda la chiusura di piazza Europa, tra via Napoli e via Milano chiusa ormai da anni. Si è...

Archeologia, vita quotidiana nelle città vesuviane: nuovi reperti al MANN

NAPOLI. MANN at work: riapre la collezione degli oggetti della vita quotidiana nelle città vesuviane. Dal 19 febbraio nuovamente fruibili, dopo il restyling, le...

Aversa. @scuolasenzabulli, Graziano: “Vittime 4 studenti su 10”

AVERSA. Bullismo, Graziano: “Vittime 4 studenti su 10”. Lo ha detto ad Aversa il presidente della commissione sicurezza sociale del Consiglio Regionale della Campania...

L’Amore Conta: tanti ospiti importanti per lo spettacolo in ricordo di Vincenzo Napoletano

CICCIANO. Avrà luogo domenica primo marzo, presso il teatro Nadur di Cicciano, il memorial di beneficenza a supporto dell’Associazione locale Amici a 4 zampe. Torna...
- Advertisment -