urban strangers
urban strangers

SOMMA VESUVIANA. L’attesa è finita, sarà il duo tutto sommese degli Urban Strangers a calcare l’agognato palcoscenico di X Factor. Una scelta non facile per il rapper milanese, Fedez che alla fine ha visto nel duo formato Alex Iodice e Genn Raia, alis Urban Strangers quel quid necessario per il noto talent musicale X Factor.

Dopo una lunga ed estenuante selezione, girata in tutta Italia alla ricerca dei concorrenti per questa IX edizione del seguitissimo programma musicale, nei giorni scorsi i talent scout del panorama musicale hanno chiuso la rosa dei finalisti per questa edizione 2015 di X Factor. Talent che ha lanciato artisti italiani del calibro di Marco Mengoni e Lorenzo Fragola, nella scorsa edizione, mentre per quanto riguarda l’edizione inglese del programma è stato portato alla ribalta il gruppo dei One Direction. Tornando, dunque, all’edizione del Belpaese e alle selezioni terminate giovedì scorso, tra i gruppi che hanno stuzzicato l’attenzione dei giudici ci sono gli Urban Strangers. Un duetto, quest’ultimo, sommese formato da Alex Iodice, 19 anni e Genn Raia di 20. Già il nome del gruppo che accosta due parole in apparenza opposte, rappresenta le diverse caratteristiche di Alex e Genn che si esibiscono insieme dal 2012.

Un gioco. Si comincia sempre così, da un’alchimia: “E’ iniziato tutto come un gioco”, raccontano gli Urban Strangers in una intervista rilasciata a Sky, “Suonavamo insieme e il feeling tra noi, che ascoltavamo generi musicali diversi, si è fatto sempre più forte”. E dal gioco: “Si è passati ad una vera e propria collaborazione”. Collaborazione sancita con l’incisione di un EP per lo studio Casa Lavica da cui poi Alex e Genn, alias Urban Strangers sono infine approdati ai live di X Factor conquistando Fedez – il loro trainer al contest – con l’interpretazione di “No church in the Wild”, di Jay-z e Kanye West.

Appuntamento imperdibile, dunque, per la prima puntata dei live della nona edizione di X Factor: giovedì 22 ottobre: tutti a sostenere i ragazzi degli Urban Strangers di Somma Vesuviana.