AFRAGOLA-CASORIA. Racket e bombe ad Afragola, in carcere otto soggetti ritenuti vicino al clan Moccia

“Cavallo di ritorno” imposto a imprenditori, commercianti e cittadini per la restituzione dell’auto rubata, per questo sono state arrestate, tra Afragola e Casoria, otto persone ritenute legate al clan Moccia. Ad eseguire le custodie cautelari i carabinieri della Compagnia di Casoria. Tra le dinamiche estorsive anche un’agenzia di pompe funebri, la quale con un atto intimidatorio voleva imporre la chiusura ad una ditta concorrente, impaurendo i titolari con l’esplosione di una bomba. Le vittime, inoltre, erano costrette con veri e propri atti intimidatori  a versare soldi al sodalizio camorristico.