Napoli
Napoli

Campionato di serie A: azzurri fermati dal bunker di Castori. Gli azzurri non vanno oltre lo 0-0 contro la matricola Carpi, ben messo in campo dall’esperto tecnico Castori.

La squadra di Sarri, dopo le belle vittorie con Lazio e Bruges, fa un passo indietro subendo l’aggressività e l’organizzazione di gioco dei romagnoli.

Rispetto alla partita contro la Lazio, Sarri effettua un mini turnover: giocano Mertens e Valdifiori al posto di Callejon e di Jorginho.

Il Mantova ritrova al centro dell’attacco il nigeriano Mbakogu. Marco Borriello (ancora non al top della forma fisica), parte dalla panchina.

Formazioni:

Carpi (3-5-2): Benussi; Zaccardo, Romagnoli, Bubnijc; Letizia, Lollo, Fedele, Cofie, G. Silva; Matos, Mbakogu. A disp. Bubnjic, Wallace, Gino, Lazzari, Iniguez, Martinho, Pasciuti, Di Gaudio. All. Castori

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Valdifiori, Hamsik; Mertens, Higuain, Insigne. A disp. Rafael, Gabriel, Ghoulam, Henrique, Chiriches, Strinic, Chalobah, Lopez, El Kaddouri. All. Sarri

Arbitro: Rocchi di Firenze

Cronaca della partita:

I padroni di casa badano soprattutto a difendersi sperando di colpire i partenopei in contropiede.

Al 17’, Higuain, dopo un passaggio di Insigne, calcia di prima intenzione in porta dal limite dell’area di rigore avversaria, la sfera esce di un niente. Al 22’, si fa male il portiere del Carpi Benussi che al 29’ è costretto ad abbandonare il campo; al suo posto entra Brkic. Al 35’ contropiede del Carpi, cross di Matos per la testa di Mbakogu, conclusione non precisa, palla fuori. Poco dopo il Napoli risponde con un colpo di testa, debole, di Hamsik su cross di Higuain, Brkic blocca senza probelmi. Al 40’ gli azzurri creano l’occasione più ghiotta del primo tempo: scambio tra Higuain ed Hamsik, il tiro dell’argentino è respinto dal portiere avversario, sulla carambola la sfera termina sullo stesso argentino prima di spegnersi sul fondo. Dopo due minuti di recupero, l’arbitro Rocchi manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa è più scialba della prima frazione di gioco e le occasioni da gol si contano con il contagocce. Al 50’ ci prova Matos con un tiro dalla distanza, Reina si tuffa e para il tiro del brasiliano. Al 51’ e al 52’, ci prova Insigne dalla distanza, ma senza trovare lo specchio della porta. Al 64’ Letizia fa partire un tiro molto potente ed insidioso, fuori di poco, Reina comunque era sulla traiettoria. Girandola di sostituzioni: nel Napoli entrano Gabbiadini e Callejon, nel Carpi entra Borriello. All’87’ Gabbiadini sciupa un’ottima occasione per portare in vantaggio gli azzurri calciando al lato sull’uscita di Brkic. Nel recupero viene annullato un gol a Callejon per fuorigioco. Decisione giusta, lo spagnolo aera al di là della retroguardia avversaria.

IL cambio di modulo ed i dieci gol fatti nelle ultime due partite, sembrava che avessero risolti i problemi del Napoli. Contro il Carpi sono riemersi i solititi limiti della squadra azzurra. Sarri dovrà lavorare molto.

Castori voleva muovere la classifica e ci è riuscito, un punto contro il Napoli è d’oro figlio di una gara attenta e grintosa. Per adesso può bastare, ma per rimanere in serie A ci vogliono soprattutto le vittorie.