nap-juv1-3
nap-juv1-3

Campionato di serie A: Pogba fatale. Lo scenario del San Paolo si apre con l’omaggio al grande Pino Daniele, cantautore partenopeo scomparso il 4 gennaio, simbolo ed icona di Napoli. L’ingresso in campo delle squadre è accompagnato dalle strofe di “Napul è…”

Per quanto riguarda il calcio giocato, la gara è stata da subito intensa e ben giocata dalle due squadre, alla fine ha avuto la meglio la voglia di vincere dei bianconeri grazie, soprattutto, alle giocate dei suoi singoli.

Il tecnico Benitez si affida al duo di centrocampo Gargano/David Lopez; De Guzman trova una maglia da titolare sull’out sinistro.

Massimiliano Allegri schiera a sorpresa il rientrante Caceres al posto dello svizzero Lichtsteiner, per il resto scende in campo la formazione “tipo”.

Formazioni:

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Britos; Gargano, David Lopez; Callejon, Hamsik, De Guzman; Higuain.

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Tevez, Llorente.

Arbitro: Tagliavento

Cronaca della partita:

Inizio di gara guardingo e di studio tra le due squadre. Al 18’ pericoloso contropiede degli azzurri imbastito da Hamsik ed Higuain, lo slovacco apre sulla sinistra per De Guzman che, da buona posizione, calcia alto sull’uscita di Buffon. Al 29’, i bianconeri passano in vantaggio grazie ad una prodezza di Pogba: azione prolungata degli ospiti nell’area di rigore azzurra, dopo un rimpallo la sfera termina sul versante sinistro dove è appostato Pogba che tira al volo di prima intenzione indirizzando la sfera alle spalle di Rafael. Gol spettacolare!!! Al 43’, la Juventus va vicino al raddoppio: Tevez trova un corridoio sulla destra per l’accorrente Caceres, il diagonale dell’uruguagio è bloccato da Rafael.

Il primo tempo si conclude con gli azzurri in svantaggio per 1-0.

Nella ripresa il Napoli cerca di chiudere gli avversari nella propria metà campo, ma gli ospiti non concedono spazi. Al 60’ esce un evanescente Hamsik ed entra il belga Mertens. Al 19’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Mertens, Britos (inspiegabilmente senza marcatura) batte Buffon con il piatto sinistro. La gioia del Napoli dura poco, infatti al 24’, su un calcio di punizione battuto da Pirlo, Caceres trova il guizzo giusto e batte Rafael. In pieno recupero, grande giocata di Higuain nel cuore dell’area di rigore bianconera, ma la sua conclusione è deviata in angolo da Chiellini. Sugli sviluppi del corner, con gli azzurri sbilanciati nella ricerca del pareggio, parte il contropiede bianconero: tre tocchi che portano al tiro Vidal per il definitivo 3-1.

Il Napoli perde in casa contro la signora dopo ben quattordici anni, mentre in classifica scivola al quarto posto (in compagnia della Sampdoria).

La Juventus dimostra grande forza e fame di vittorie. Adesso la Roma è distante tre punti.