Napoli-Genoa
Napoli-Genoa

Campionato di serie A: Higuain, l’uomo in più. Nel Monday match della prima giornata del girone di ritorno, gli azzurri battono il Genoa (con due gol di Higuain) e si piazzano, da soli, al terzo posto in classifica.

I rossoblù hanno recriminato sulla regolarità delle due reti azzurre; in occasione del primo gol di Higuain, l’argentino parte in posizione di fuorigioco (dando così ragione alle proteste avversarie). Mentre sul fallo da rigore, che ha deciso la gara, la decisione dell’arbitro sembra essere fin troppo generosa. Anche i partenopei hanno protestato per un fallo, da ultimo uomo, di Roncaglia su Higuain lanciato a rete e non segnalato dal direttore di gara.

Benitez Conferma sulla sinistra il croato Strinic; a centrocampo Inler sostituisce lo squalificato Gargano.

Il tecnico rossoblù Gasperini schiera un Genoa senza punte di ruolo (Pinilla è stato ceduto nel mercato di gennaio, Matri è infortunato e Niang è arrivato da poco e va in panchina). Il greco Fetfatzidis gioca da “falso nueve”.

Formazioni:

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic; David Lopez, Inler; De Guzman, Hamsik, Callejon; Higuain. All. Benitez.

Genoa (3-4-3): Perin, Roncaglia, Burdisso, De Maio, Edenilson, Rincon, Bertolacci, Antonelli, Iago Falque, Fetfatzidis, Perotti. All. Gasperini.

Cronaca della partita:

Al 7’ il Napoli va subito in vantaggio: Hamisik serve Callejon che si accentra e fa partire un gran tiro, Perin devia la sfera, ma Higuin (partito in posizione di fuorigioco) deposita in rete di testa. Al 17’ arriva la reazione rossoblù: tiro da fuori area di Edenilson e deviazione in angolo di Rafael. Al 27’ su un tiro di Strinic, Roncaglia si butta in scivolata toccando la sfera con il braccio; l’arbitro opta per l’involontarietà del gesto. Alla mezz’ora Hamsik va vicino al 2-0 con un gran tiro dalla distanza che termina alto di poco. Buona occasione. Al 38’ grande giocata di Higuain che serve Hamsik, lo slovacco trova un varco per De Guzman che, solo davanti a Perin, calcia incredibilmente alto. Fine del primo tempo.

Al 49’ gli azzurri vanno vicinissimi al raddoppio: Hamsik serve De Guzman che si libera di un avversario e del portiere e calcia in porta, ma Roncaglia salva sulla linea. Al 50’ si vede il Genoa: tiro di Bertolacci che termina fuori di poco. Al 56’ arriva il pari genoano con lo spagnolo Falque che elude l’intervento di Albiol e batte Rafael. Gli azzurri potrebbero riportarsi in vantaggio dopo soli tre minuti, ma il tiro di Higuain (deviato da Burdisso) termina sulla traversa. Al 62’ grande palla di Inler per Callejon, tiro al volo dello spagnolo e stupenda deviazione di Perin. Al 74’ arriva il discusso calcio di rigore a favore del Napoli. Higuain lo trasforma con freddezza. Il Genoa non ha più né le idee né le forze per imbastire altre azioni d’attacco. La gara si conclude con la vittoria degli azzurri.

Il Napoli dà continuità alla sua marcia alla ricerca del terzo, ma anche del secondo posto in classifica (la Roma non è più così lontana).

Il Genoa ha disputato una buona gara, ma ha creato troppo poco in attacco per meritare qualcosa in più.