torino-napoli
torino-napoli

Il Napoli passa al Comunale di Torino allo scadere grazie a un gol del Pipita tra le polemiche ed i rammarichi granata.

I padroni di casa, che hanno sciupato almeno tre palle gol nitidissime (pali di Bovo e di Meggiorini, oltre al tiro alto di Immobile solo davanti a Reina), hanno subito la beffa nel finale di gara ad opera del solito Higuain che li castigò anche all’andata.
Presente in tribuna il tecnico della nazionale italiana Cesare Prandelli.
 
Nelle formazioni Benitez conferma le previsioni e manda in campo l’undici migliore, ad eccezione degli infortunati Maggio e Zuniga, mentre il suo collega Ventura schiera, a sorpresa, la coppia d’attacco Barreto-Meggiorini al posto di Cerci ed Immobile.
 
Formazioni:
Torino (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Bovo; Darmian , Tachtsidis, El Kaddouri , Kurtic, Moretti; Barreto, Meggiorini. A disp.: Gomis, Berni, Vesovic, Farnerud, Gazzi, Rodriguez. All.: Ventura.
Napoli (4-2-3-1): Reina; Revelliere, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Inler, Jorginho; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain. A disp.: Doblas, Colombo, Britos, Dzemaili, Mesto, Pandev, Zapata. All.: Benitez.
 
Cronaca della partita:
Torino ben messo in campo pronto a far male con le ripartenze. Al 19’ il primo tiro in porta è di Meggiorini, Reina respinge il tiro dell’attaccante granata e Albiol allontana la minaccia. Al 27’ Jorginho verticalizza per Callejon, lo spagnolo fa partire un diagonale che si spegne sul fondo. Più tardi Bovo è libero di avanzare e tirare dai 25 metri, la traversa salva gli azzurri da un gol sicuro. E’ l’ultima azione di un brutto primo tempo.
 
Dopo un tiro centrale di El Kaddouri parato senza difficoltà da Reina, Higuain (52’) impegna Padelli con un tiro dal limite dell’area granata. Al 54’ Barreto e Meggiorini confezionano un’altra buona occasione: il brasiliano serve il numero sessantanove che, solo davanti a Reina, si vede negare la rete dal palo. Il Torino insiste crede nella possibilità di portare a casa i tre punti: al 55’ tiro di Darmian e grande risposta di Reina. Al 68’ Immobile, subentrato a Barreto, si libera e calcia in porta, fuori di poco. Behrami perde palla e innesca lo sloveno Kurtic, passaggio nel cuore della difesa partenopea dove è appostato il solo Immobile, il tiro del numero nove granata è incredibilmente alto.
 
Il finale di partita è tutto azzurro: all’85’ Mertens impegna Padelli che devia in angolo; ma al 90’, il portiere granata si deve arrendere a Higuain che lo trafigge dopo aver vinto il duello con Glik (complice una spinta galeotta che l’arbitro non ha ravvisato).
 
Con questa vittoria il Napoli ristabilisce le distanze con Roma e Fiorentina, a loro volta vittoriose con Udinese e Chievo.