mercoledì 19 Febbraio 2020
Home Cultura e Spettacoli Carnevale Palmese, Paolantoni: "Non vedo l'ora di divertirmi"

Carnevale Palmese, Paolantoni: “Non vedo l’ora di divertirmi”

PALMA CAMPANIA. Francesco Paolantoni si prende il carnevale: “Non vedo l’ora di divertirmi con le quadriglie”.

Metti una ‘macchietta’ al centro di una Quadriglia: il risultato non può che generare un’esplosione di divertimento! E’ Francesco Paolantoni la maschera che dà un tocco di eccezionalità all’edizione 2020 del Carnevale Palmese, unico nel suo genere per le caratteristiche Quadriglie che lo animano ogni anno. Ebbene, se il buongiorno si vede dal mattino, in occasione della conferenza stampa tenutasi in giornata presso il Comune di Palma Campania, la secolare kermesse cittadina godrà di un testimonial coi fiocchi. «Sono un grande sostenitore di tutto ciò che è cultura e tradizione in Campania, perché tengo molto ai valori che sa esprimere la nostra magnifica terra d’origine. – ha dichiarato lo stesso Paolantoni, intervenuto alla conferenza stampa in qualità di ospite d’eccezione del Carnevale Palmese – Conoscevo già il Carnevale di Palma Campania, ma finora non avevo mai avuto occasione di viverlo e farò del mio meglio per entrare nel vivo della festa, nel cuore della Quadriglia». L’incontro tenutosi al palazzo di città ha registrato anche gli interventi del sindaco Nello Donnarumma e del consigliere, delegato al Carnevale Palmese, Nello Nunziata, che hanno illustrato gli sforzi che l’Amministrazione Comunale sta compiendo per dare risalto e valore alla festa mascherata. «Il nostro compito – ha affermato il primo cittadino Donnarumma – è quello di dare rendere riconoscibile Palma Campania con il nostro Carnevale, permettendo di viverlo 365 giorni l’anno. Abbiamo intrapreso alcuni percorsi per raggiungere quest’obiettivo e proveremo a tagliare anche il prestigioso traguardo dell’Unesco. Bisogna far emergere le peculiarità della nostra festa, che ogni anno genera un PIL incredibile in termini di risorse investire per l’organizzazione dell’evento in generale e di ogni singola Quadriglia in particolare». Il consigliere delegato Nunziata ha, poi, specificato che «l’Amministrazione sta promuovendo vari step per accrescere il prestigio della kermesse, essendo rientrato già nell’Inventario dei Beni Immateriali della Regione Campania e nella rete dei Carnevali Storici d’Italia, sotto la supervisione speciale del MiBACT, auspicando l’approdo al sigillo Unesco».    A chiudere, il presidente della Fondazione Carnevale Palmese, Claudio Ferrara, ha illustrato le date che scandiranno il countdown della festa finale del Martedì Grasso: «Daremo valore al patrimonio di storicità, di cultura e di tradizione del Carnevale. Realizzeremo un murales per la Quadriglia vincitrice ed una scultura dedicata al costume che meglio abbinerà la bellezza alla tradizione della festa, in più ricostruiremo la memoria storica della manifestazione e daremo slancio a nuove sinergie con le scuole».

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Vado Via, il travolgente viaggio nelle voci di dentro di Massimo Nappi

Venerdì 21 febbraio ad Aversa la presentazione del romanzo d’esordio. Le voci di dentro vissute e metabolizzate da chi ha scelto come professione di analizzare...

Sicurezza a Somma, controlli e posti di blocco dei carabinieri

SOMMA VESUVIANA. Controlli dei carabinieri in diversi quartieri della città. Controlli già previsti da tempo e che si verificano in maniera periodica. Controlli che...

Carnevale viaggia sui treni di Pietrarsa: ecco come partecipare

PORTICI. Per un Carnevale originale in cui tradizione e storia si fondono con favole, cartoni e immaginazione per un party in maschera esclusivo l’appuntamento...

Al Summarte un laboratorio di ceramica vietrese dedicato ai bimbi

SOMMA VESUVIANA. Al teatro Summarte dal 7 marzo un laboratorio di ceramica vietrese dedicato ai più piccoli. "Bimbi in arte", il nome del...

Gigli patrimonio immateriale Unesco: parte il progetto Savage dell’Università Vanvitelli

NOLA. Valorizzare i tratti distintivi della Festa dei Gigli di Nola come tradizione culturale espressione della comunità e promuovere l'arte antica della lavorazione...
- Advertisment -