CASALNUOVO DI NAPOLI. Una Pasqua atipica trascorsa tra litigi, accuse e rotture, quella del consigliere Giuliano e del suo, ormai  “ex”, gruppo politico di riferimento. Dopo aver votato il Bilancio, appoggiando l’Amministrazione Pelliccia, Giuliano lascia la sua compagine politica mentre il coordinamento di “Casalnuovo Futura” e del progetto il “Quadrifoglio per Casalnuovo” lo attaccano duramente : “Vergognati, Imbarazzante”.

Il consigliere comunale Antonio Giuliano eletto grazie al consenso ricevuto dalla lista civica Casalnuovo Futura (1442 voti) ha agito per il proprio interesse personale e non secondo le scelte condivise nel movimento” si legge in un manifesto distribuito in città. “Il consigliere Antonio Giuliano ha votato l’approvazione del bilancio comunale che ha aumentato i costi della politica a discapito delle reali esigenze dei cittadini. Questa amministrazione che da sempre dichiara di agire per il bene della città non sta facendo che del bene solo a se stessa” – continuano gli esponenti di Casalnuovo Futura – “Il consigliere Antonio Giuliano, coltivando anch’egli il proprio interesse, per non cedere la poltrona e soprattutto tornare a lavoro, non rappresenta più Casalnuovo Futura che chiede le sue dimissioni immediate e lo diffida da qualunque iniziativa a nome della lista civica

Accuse forti dirette a Giuliano da parte delle sua “ex” compagine politica che continua duramente : “Vogliamo persone coerenti non acrobati e trasformisti!”

Parole dure anche dal coordinamento del progetto il “Quadrifoglio per Casalnuovo” che ha contribuito alla distribuzione del volantino in città con cui si chiedono le dimissioni di Giuliano.

Ancora una volta a Casalnuovo di Napoli, nel consiglio comunale, prevale l’interesse di parte orientato alle piccole briciole, in dispregio dei cittadini e dei tanti problemi irrisolti che caratterizzano una politica di piccolo cabotaggio fatta per pochi e senza la risoluzione dei tanti problemi irrisolti che caratterizzano una politica di piccolo cabotaggio fatta per pochi e senza la risoluzione dei tanti problemi irrisolti” scrivono gli esponenti de il Quadrifoglio –  “Prendiamo atto della confusione e dell’ambiguità del consigliere Antonio Giuliano che, in una pubblica assemblea delle quattro associazioni che lavorano per ridare ai cittadini partecipazione e programmi, dichiarava la sua indisponibilità a sostenere tale amministrazione, e poi vota a favore di un bilancio preventivo che non tiene conto ne degli interessi dei cittadini ne dei programmi indispensabili per la crescita della collettività casalnuovese.”

Prendono, dunque, le distanze dal consigliere Giuliano e scrivono “Il movimento civico il Quadrifoglio dichiara pubblicamente che tale piccolo ed ambiguo consigliere non ci rappresenta piu. Noi desideriamo coerenza, confronto, una democrazia partecipativa con l’unico interesse della città e dei cittadini” – e continuano –  “Il movimento il Quadrifoglio si dissocia da questo interesse di bottega e continua la sua attività per la crescita della città e nell’interesse dell’intera collettività.”

Giuliano, sentito al telefono, risponde alle accuse di chi vorrebbe le sue dimissioni.

Alle critiche sterili non rispondo, ho sempre avuto rispetto di tutti e continuerò a farlo, la città ha bisogno di azioni concrete ed efficienti, preciso solo che le vergogne sono altre e dei 1126 voti di lista (non 1442 come da qualcuno dichiarato) il 40% sono miei, essendo una lista civica, il senso di appartenenza lo devo al mio elettorato” – e continua – “Per quanto riguarda l’uscita dalla lista è già in itinere il mio passaggio in un altro gruppo che comunicherò a breve”. Poi sul suo voto favorevole al bilancio dichiara “Quello che piuttosto voglio precisare è che grazie al mio emendamento al bilancio siamo riusciti a riattivare il servizio di soggiorno climatico per anziani e diversamente abili: è di azioni come queste che la città ha bisogno, non delle solite chiacchiere