mercoledì 22 Gennaio 2020
Home Attualità Chiusura centri prima assistenza, il sindaco di Ottaviano lancia l'allarme

Chiusura centri prima assistenza, il sindaco di Ottaviano lancia l’allarme

- Advertisement -

OTTAVIANO. Sanità, l’allarme di Luca Capasso: “A gennaio chiudono i centri di prima assistenza e sarà emergenza”

“Il governatore della Campania Vincenzo De Luca esalta se stesso e la fine del commissariamento, ma evita di raccontarci i disastri ai quali il sistema sanitario campano andrà incontro di qui a pochi giorni. Dal primo gennaio 2020, infatti, cesseranno le prestazioni di prima assistenza garantite dalle case di cura private accreditate. Di queste, due (la Trusso di Ottaviano e la Santa Lucia di San Giuseppe Vesuviano) si trovano nel territorio vesuviano e svolgono una funzione importantissima garantendo assistenza sanitaria a centinaia di migliaia di persone”. A dichiararlo è il sindaco di Ottaviano, Luca Capasso, che lancia l’allarme su parte del decreto regionale n. 42 del 31/05/2018, adottato dal Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Campania.
Prosegue Capasso: “Con la chiusura dei centri di prima assistenza i cittadini dovranno rivolgersi, anche per casi meno gravi, ai pronto soccorso degli Ospedali civili di Nola e Boscotrecase, già carichi di lavoro e con il rischio di ingolfarsi ulteriormente abbassando la qualità e la tempestività delle risposte, che in qualsiasi pronto soccorso sono condizioni per salvare la vita dei pazienti”
“Inoltre – prosegue Capasso – sempre dal primo gennaio 2020, le Case di Cura non dovranno più sostenere i costi h24 dei servizi medici, infermieristici e diagnostici. Ciò significa che verranno inevitabilmente messi in discussione anche i livelli occupazionali in tali strutture, con un ulteriore danno per un territorio che già soffre fortemente della mancanza di posti di lavoro. Peraltro, la legislazione nazionale e regionale ha disciplinato la necessità di attivare i cosiddetti primi punti di intervento, ma allo stato non li ha ancora individuati”.
Il sindaco di Ottaviano ha scritto a De Luca, al ministro per la Salute Roberto Speranza, ai sindaci dei Comuni dell’Asl Napoli 3 Sud e ai vertici dell’azienda sanitaria, chiedendo un incontro urgente.
“Chiedo a tutte le istituzioni di farsi carico della drammatica questione, prendendo in considerazione la possibilità di rinnovare le prestazioni di Prima Assistenza o di inserire le strutture nella rete del 118”, dice Luca Capasso.

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Congressi inesistenti e fatture gonfiate, sequestrati 1 milione di € a Shedir Pharma srl

PIANO DI SORRENTO. Finti viaggi e congressi mai tenuti in giro per il mondo, le relative fatture gonfiate, un meccanismo complesso con cui un'azienda...

CAPRI WATCH OPEN: ALL’ACCADEMIA TENNIS NAPOLI VINCONO ANNA FLORIS E GIOVANNI COZZOLINO

Grande successo per l’Open Capri Watch organizzato dall’Accademia Tennis Napoli, giunto alla seconda edizione, che si conferma l’evento principe di inizio 2020 in Campania....

Nola. Giornata della Memoria, i Racconti che sopravvivono

NOLA. Giornata della Memoria, i Racconti che sopravvivono al Seminario Vescovile. Raccontare il dramma e la violenza con le arti performative, raccontare la pagina nera...

Giornata della Memoria, fiaccolata per le strade di Cercola

CERCOLA. In occasione della Giornata della Memoria, il 27 gennaio alle ore 19:00 Cercola si radunerà presso il Piazzale dei Platani per svolgere una...

Carabiniere accoltellato alla testa durante una lite, arresto a Casoria

CASORIA. Coltellate a carabiniere intervenuto durante una lite, 43enne in manette. Sono stati allertati dalla centrale operativa, dopo una chiamata concitata che chiedeva l’intervento dei...
- Advertisment -