Si rischia la paralisi del trasporto pubblico nell’area metropolitana di Napoli e nella provincia di caserta.

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti chiedono risposte immediate alla Città Metropolitana

 

Grave e inaccettabile l’approssimazione utilizzata dalla Città Metropolitana di Napoli nell’affrontare la grave crisi economico/finanziaria che attanaglia la Ctp.

E’ intollerabile, denunciano le segreterie regionali di FILT-CGIL, FIT-CISL e UILTRASPORTI che, ad oggi, nonostante le varie sollecitazioni fatte, non c’è alcuna soluzione per garantire il pagamento delle retribuzioni di Agosto u.s. e di tutti gli altri adempimenti previsti.

Il comunicato emanato dall’azienda nei giorni scorsi circa il pagamento degli stipendi da avvenire entro il 10/09/2018, non sarà rispettato così come non si conosce il termine entro il quale saranno corrisposti gli stessi.

E’ da mesi, oramai, che denunciamo le difficoltà aziendali chiedendo soluzioni al riguardo, è necessario, chiosano le organizzazioni sindacali, che alle parole seguano i fatti, bisogna sbloccare immediatamente le risorse utili per assicurare i sacrosanti diritti ai lavoratori e la continuità aziendale, è indispensabile che Città Metropolitana predisponga quegli interventi strutturali sempre annunciati ma puntualmente disattesi.

Una eventuale paralisi del trasporto pubblico locale nell’area metropolitana di Napoli e nella provincia di Caserta sarà addebitabile alla cattiva politica che Città Metropolitana ha attuato finora.

Lunedì scorso si è tenuto un presidio dei lavoratori presso Città Metropolitana a sostegno della vertenza.