martedì 21 Gennaio 2020
Home Politica De Magistris: "Chi spara ad una bambina se ne deve andare da...

De Magistris: “Chi spara ad una bambina se ne deve andare da Napoli”

- Advertisement -

NAPOLI. Le dichiarazioni del sindaco di Napoli Luigi De Magistris sul ferimento della piccola Noemi.

“Abbiamo dedicato il maggio della cultura di Napoli al diritto alla felicità. Napoli sprigiona energia umana e culturale come mai. Napoli è invasa da iniziative culturali stupende. Napoli sprigiona e cerca felicità. Il sapere, la conoscenza e la cultura aiutano ad essere felici. Come necessario è il lavoro che sempre più si sta creando a Napoli, soprattutto con cultura, turismo e crescita economica compatibile con i valori costituzionali in cui crediamo. Napoli è attraversata, però, anche da persone violente della nostra città che non esitano a mettere in pericolo la sicurezza di tutti gli abitanti. Sono nemici di Napoli. Il ferimento quasi mortale della piccola Noemi impegna tutta la comunità a lottare per il diritto alla felicità di ogni persona, ma soprattutto delle bambine e dei bambini. La Napoli onesta, la stragrande maggioranza, ha deciso e scelto. È la Napoli della rinascita, dell’illuminismo del terzo millennio. Voglio, invece, rivolgere un appello a chi ogni giorno è nel bivio tra il bene e il male: scegliete il bene, perché oggi a Napoli i luoghi della nostra città sono pienissimi di opere di bene che creano anche economia e lavoro. L’alternativa tra bene e male è netta e visibile. Scegliete! Un appello, poi, a chi ha già sbagliato intraprendendo la strada del crimine o della violenza: abbandonate la strada della morte, diventate testimoni del cambiamento, raccontate agli altri che si può trasformare la propria vita, che è un dono e non ritorna. Infine, per quelli che non vogliono cambiare, non ci raccontate, quando sarete raggiunti dalla giustizia, che siete costretti a delinquere, perché oggi Napoli è zeppa di alternative a pistole, coltelli e spacciatori. Alla galera per chi sceglie il crimine o alla possibile morte per i camorristi, può esservi anche un’altra via: andatevene da questa città, perché Napoli e il popolo napoletano non vi vogliono. Chi spara ad una bambina, chi apre il fuoco in un ospedale, chi attenta alla felicità delle nostre bambine e dei nostri bambini rischiando di togliergli un futuro sereno, se ne deve andare da Napoli. Isoliamoli: iatevenne, o meglio, fuitevenne “

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Casi di Ossiuriasi nel napoletano: il parere del pediatra

NAPOLI E PROVINCIA. Abbiamo chiesto il parere al pediatra Marco Maglione sui casi di Ossiuriasi, parassiti intestinali, che in questi giorni stanno preoccupando le...

25milioni di € in bandi per commercio e artigiano, venerdì a Somma la presentazione

SOMMA VESUVIANA. Venerdì 24 gennaio, alle ore 17.30, presso il Teatro “Summarte” si terrà l'incontro di presentazione dei bandi a posto fisso e ambulante...

Cardito. Nemea Beauty event, i super ospiti: Garko, Gregoraci, De Martino

CARDITO. Nemea Beauty event: super party vip con Garko, Gregoraci, De Martino e tanti altri. Un salotto del Wellness nel cuore della provincia di Napoli!...

Somma. In stile “Gattopardo” pronto il rimpasto e la “seminuova” giunta

SOMMA VESUVIANA. «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi», lo leggiamo nel celebre romanzo "Il Gattopardo" e lo possiamo trasportare...

S.Anastasia. Festeggiamenti per San Ciro tra devozione e solidarietà

Sant'Anastasia. Fervono i preparativi per i festeggiamenti di San Ciro, tra devozione e solidarietà. Ritorna puntuale la festa in onore di San Ciro, venerato nella cittadina...
- Advertisment -