Disservizi e carenze al Parco del Vesuvio, la denuncia di Ciro Fiengo

ERCOLANO.  Ciro Fiengo, cittadino di Ercolano, ha inviato all’Asl 3 sud, ai Vigili del Fuoco e all’Ente Parco Nazionale del Vesuvio una segnalazione dei disservizi all’interno del Parco. Ecco di seguito il documento inviato da Fiengo.

“Segnalo che, presso la casetta del Presidio permanente Ente Parco Nazionale del Vesuvio –
Biglietteria, non esistono servizi igienici permanenti. E’, infatti, posizionato un solo servizio igienico chimico a uso esclusivo dei dipendenti ( chiuso al pubblico) e negli spazi interni alla biglietteria non esistono servizi igienici e i locali non sono riscaldati( segnalo che ci troviamo a quota 1000m) mentre all’entrata per salire verso il cono esiste un piccolo locale che funge da controllo biglietteria e anche li non esistono servizi igienici; all’entrata del parcheggio sono posizionati due bagni chimici di cui uno, chiuso con lucchetto, utilizzato dal personale e l’altro aperto, ad uso dei visitatori, che è in pessime condizioni igienico-sanitarie. Segnalo, inoltre, l’assoluta mancanza di un presidio medico e l’inesistenza di un defibrillatore presso gli uffici della biglietteria. Nessun passaggio pedonale, tra l’altro, è previsto per i turisti che salgono a piedi verso il cono e, pertanto, visto che salgono a piedi tra pullman e taxi, privati e collettivi, mettono a rischio la propria sicurezza. Vi invito, per i tratteggiati motivi, a intervenire per quanto di vostra competenza.”