Ottaviano. Dodici punti importanti che toccano i temi coi quali l’aspirante sindaco Andrea Nocerino intende cambiare la faccia e la storia di Ottaviano. Dodici punti che riguardano lavoro, sviluppo economico, governo cittadino, benessere sociale, scuola, cultura e domani saranno resi noti gli altri sei, così come si evince dalla Pagina ufficiale del candidato su Facebook.
“Ci attende una grandissima sfida”, scrive Nocerino, “Cambiare insieme Ottaviano. Vogliamo farlo con un programma ricco di proposte.
Un programma frutto di mesi di lavoro e del contributo di tantissime persone che hanno deciso di accompagnarmi in questo bellissimo viaggio.
Si tratta di proposte concrete e di impegni realizzabili. Crediamo ad una Ottaviano diversa e migliore. Crediamo che la buona politica sia quella che non prende in giro gli elettori con false promesse. Sono 12 punti. 12 temi. 12 sfide”. Il lavoro è un tema importante nell’area vesuviana, un argomento sentito dai cittadini, ma difficilmente preso in considerazione dagli amministratori comunali. Nocerino, invece, pone delle semplici ma fattive proposte: “cooperative sociali di servizio per il coinvolgimento di giovani ed inoccupati del territorio finalizzate al potenziamento occupazionale attraverso la valorizzazione delle attività turistiche e sociali. Garanzia giovani comunale, un progetto locale che metta in rete giovani e imprese del territorio” e sullo sviluppo economico: “istituzione di chioschi commerciali sulle aree ad attrazione turistica del territorio (Valle delle Delizie). No Tax Area nel centro storico cittadino. Nessuna tassa per attività commerciali che nasceranno nel centro storico”. Per il governo cittadino: “Istituzione dei comitati di quartiere e delle assemblee pubbliche permanenti. Istituzione della consulta dei commercianti: gli esercenti a costante contatto con il sindaco e gli amministrtori”. Per il benessere sociale: “Sgravi fiscali sulla tassa dei rifiuti per le persone con reddito insufficiente. Attenzione al mondo della disabilità, attraverso percorsi sociali e abbattimento barriere architettoniche”. Per la scuola: “Messa in sicurezza di tutte le scuole cittadine, istituzione di asili nido comunali” e infine (per questa prima trance) la Cultura: “Programmazione e candidatura di Ottaviano, capitale italiana della cultura. Valorizzazione del turismo religioso. Istituzionalizzazione della festa patronale di San Michele Arcangelo attraverso l’istituzione di una fondazione partecipata tra Comune e territorio che punti all’internalizzazione dell’evento e al riconoscimento Unesco per i beni immateriali”. Un programma “pensato” quando solitamente i candidati e le coalizioni presentano ai cittadini in campagna elettorale dei semplici “copia incolla”. Attendiamo con curiosità domani per sapere cosa altro ci riserva la compagine delle sei liste che sostengono Andrea Nocerino.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore.Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.