TORRE ANNUNZIATA. Erbacce, escrementi e rifiuti davanti alla Villa di Poppea: così si allontanano i turisti. La denuncia della Pro Loco “Oplonti – Marina del Sole” di Torre Annunziata. I volontari scendono in campo per ripulire la strada da erbacce e deiezioni.

Erbacce, escrementi sui marciapiedi e nessun contenitore per i rifiuti, che quotidianamente vengono gettati per terra dagli incivili e deturpano la suggestiva immagine degli Scavi di Oplonti. Sono queste le condizioni in cui riversa via Sepolcri, e che la Pro Loco “Oplonti – Marina del Sole” ha denunciato in una lettera indirizzata all’amministrazione comunale di Torre Annunziata.
Nonostante la pulizia giornaliera che gli operatori ecologici svolgono alle prime ore del mattino, negli orari di punta i turisti sono costretti a scansare escrementi animali, erbacce e spazzatura che attirano insetti e provocano cattivi odori, ancor più accentuati nei mesi estivi.
Una plausibile soluzione potrebbe essere l’installazione di nuovi contenitori per la raccolta dei rifiuti differenziati e delle deiezioni canine, da anni divelti da incivili e mai più ripristinati. E a ciò si aggiunge la mancanza di adeguata cartellonistica che indirizzi i turisti dalla stazione della Circumvesuviana e dall’uscita autostradale di Torre Annunziata Sud fino alla villa, assieme all’inevitabile logoramento dei pannelli informativi posizionati all’incrocio tra via Sepolcri e via Vittorio Veneto.
Vista l’affluenza sempre maggiore di turisti con l’arrivo della primavera, i volontari della Pro Loco si stanno impegnando in prima persona nel ripulire via Sepolcri dalle erbacce e dagli escrementi, in attesa di un celere intervento dell’amministrazione, con la prospettiva di un serio rilancio turistico della città di Torre Annunziata.