sparta-napoli
sparta-napoli

Europa league: lo Sparta fa tremare gli azzurri. Con il pareggio di ieri allo stadio Letna di Praga, gli azzurri ottengono la qualificazione matematica ai sedicesimi di Europa league (grazie ad una differenza reti migliore), ma devono rimandare il discorso primato all’ultima giornata.

Ieri il Napoli ha giocato al di sotto delle aspettative creando poche occasioni da gol, ed anzi, è lo Sparta Praga a dover recriminare per le azioni create, in cui Rafael ed i pali gli hanno negato la vittoria.

Benitez vuole la qualificazione in terra ceca e quindi manda in campo una squadra con tutti i suoi senatori.

Formazioni:

Sparta Praga (4-3-3): Stech; Kaderabek, Brabec, Holek, Costa Nhamoinesu; Husbauer, Marecek,  Matejovsky; Dockal, Lafata, Krejci. Allenatore: Lavicka

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Mesto, Albiol, Koulibaly, Britos; Gargano, David Lopez; Callejon, Jorginho, Hamsik; Higuain. Allenatore: Benitez

Cronaca della partita:

Al 5’ diagonale di Dockal e respinta da Rafael in angolo. AL 16’ ci prova Gargano da una distanza siderale, tiro centrale che Stech para in due tempi. Sul capovolgimento di fronte, azione pericolosissima dei cechi: Husbauer tira dal limite dell’area di rigore azzurra, la sfera colpisce la traversa e ritorna in campo, Lafata, tutto solo davanti alla porta, colpisce di testa ma troppo centralmente, Rafael riesce a scongiurare il pericolo. Il Napoli fa più possesso palla, ma senza essere incisivo in zona gol, mentre lo Sparta è pericolosissimo nelle ripartenze. Al 40’, altro pericolo per gli azzurri: Albiol deve intervenire di testa (su un passaggio di Krejci) per anticipare due avversari a pochi metri dalla linea di porta, con Rafael fuori causa. Dopo un minuto di recupero, l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi.

Al 31’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Metejovsky tira al volo da circa 25 metri, la sfera viene deviata prima da Mesto e poi da Rafael prima di stamparsi sulla traversa. Secondo legno per i padroni di casa! Al 33’ incursione dalla destra di Mesto, cross velenoso nell’area di rigore ceca, ma né Zapata né Ghoulam riescono a deviare la sfera in rete. Al 36’, calcio d’angolo per il Napoli: Hamsik colpisce di testa, palla alta di un soffio. Nel recupero è ancora Hamsik a farsi pericoloso, ma il suo tiro termina sull’esterno della rete. Fine della gara.

Un Napoli scialbo e senza nervo, porta a casa un punto che vuol dire qualificazione ai sedicesimi di Europa league.

Adesso testa al campionato, nel posticipo di lunedì sera gli azzurri affronteranno la sorpresa  Samp.