lunedì 24 Febbraio 2020
Home Attualità Giallo sulle schede elettorali buttate, indagine dei carabinieri

Giallo sulle schede elettorali buttate, indagine dei carabinieri

Somma Vesuviana. Un “giallo” che fa discutere all’indomani dello spoglio che ha portato al ballottaggio per la guida del Comune di Somma Vesuviana i candidati sindaco Pasquale Piccolo e Antonio Granato. Cinque schede elettorali sono state rinvenute ieri mattina da alcuni cittadini su via Circumvallazione, il primo pensiero (assurdo, ma vero) è stato quello di fotografarle e condividerle su Facebook (creando una lunga discussione), come ormai la moda dei social network impone e poi, fortunatamente, di allertare le forze dell’ordine.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della locale stazione che, all’altezza di un vecchio deposito di bibite, hanno rinvenuto, gettate sul marciapiede, le schede in questione. I militari (guidati dal maresciallo Raimondo Semprevivo) hanno accertato che erano tutte valide e utili a votare per le elezioni comunali. Vidimate, timbro e firma erano riconducibili alla sezione n° 28 che si trova nel seggio della scuola via Costantinopoli nel quartiere di Rione Trieste. Le schede rinvenute non risultavano compilate, non riportavano dunque nessuna espressione di preferenza. Bianche e pronte all’uso o allo “scambio”. Una scoperta che ha portato i militari a sequestrare tutta la documentazione relativa al seggio n° 28, che era stata consegnata ieri all’ufficio elettorale comunale e al tribunale civile di Nola. E’ stata aperta un’inchiesta per vedere di far luce su come sia potuta accadere una cosa simile, e soprattutto cercare di capire a cosa servisse portar via da una sezione elettorale delle schede. Potrebbe essere accaduto altrove in città e solo per un caso quelle di via Circumvallazione sono state ritrovate. Il primo pensiero per giustificare il singolare ritrovamento è andato all’ipotesi di brogli, cioè che qualcuno abbia voluto sostituire il voto “fotografato” dal telefonino (quello che di solito si compra, come ci hanno insegnato episodi di cronaca recente) e dunque comprovato con quello del “rientro” della scheda bianca. Un sistema che in pratica funziona così. Un candidato ottiene, tramite componenti del seggio compiacenti, alcune schede già vidimate (quelle che di solito si mettono da parte per fare in modo che i conteggi finali siano precisi) le compila e le consegna agli elettori compiacenti che poi le mettono nell’urna riportando indietro la scheda bianca che gli hanno consegnato al seggio al momento di esprimere la sua preferenza. Non si può, ora, stabilire se sia davvero accaduto questo o ci sia altro dietro a queste schede “migranti”. Intanto, ciò è certo che la sezione 28 è quella in cui votano proprio i residenti del quartiere e dove 562 sono stati i voti validi a fine spoglio, di questi 266 sono andati al candidato sindaco Piccolo, 152 a Granato, 20 al leader del Movimento Cinque Stelle Ciro Sannino e 124 al primo cittadino del centrosinistra Giuseppe Auriemma. Il partito più votato è risultato essere Ncd-Udc con 88 preferenze.
Gabriella Bellini

DA METROPOLIS DEL 28 MAGGIO

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.
- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Coronavirus, Capasso:”Non ci sono casi ma attività di prevenzione”

OTTAVIANO. Coronavirus, di seguito le dichiarazioni del sindaco di Ottaviano Luca Capasso diffuse sui social. "La nota del Prefetto ribadisce tutte le disposizioni messe in...

S.Giorgio a Cremano al voto, si allarga la coalizione di Zinno

SAN GIORGIO A CREMANO. Si allarga la coalizione che sostiene Giorgio Zinno alle amministrative,  ok della lista "Persone e Territorio". Il Sindaco di Sirignano Raffaele...

La Calabria e una pagina”, il nuovo libro del poeta Strinati

NAPOLI. È appena uscito il nuovo libro del poeta marchigiano Fabio Strinati, dal titolo:”La Calabria e una pagina”, pubblicato con Meligrana Editore, casa editrice di...

Dai balconi del Rione Sanità al teatro Mercadante di Napoli. I bambini di Opportunity attori

Napili. Con i bambini e le bambine del corso di teatro nei beni confiscati alla Camorra e dedicati alla memoria di Lucio D’Errico, Via...

Somma. Il sindaco smentisce caso di coronavirus in città

SOMMA VESUVIANA. Il sindaco di Somma Vesuviana: Salvatore Di Sarno, ha smentito qualche ora fa un caso di coronavirus sul territorio. La notizia di un...
- Advertisment -