Carabinieri tutela lavoro Lavoro nero
Carabinieri tutela lavoro Lavoro nero

NOLA. Due impiegati in nero, diverse misure inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro non rispettate. Ecco i motivi che hanno portato a sanzionare un commerciante per oltre 83mila euro.

E’ accaduto a Nola, dove su via Circumvallazione, sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Saviano (agli ordini del maresciallo Vincenzo Perfetto) in collaborazione con i colleghi del nucleo operativo tutela del lavoro di Napoli denunciando il titolare di un negozio, un bazar dove si vendevano prodotti di ogni genere, un cittadino cinese di 53 anni. Con i militari era impiegato personale dell’Asl Napoli 3 Sud e dell’Inps di Nola che hanno riscontrato, appunto diverse violazioni riguardo il lavoro sommerso e violazioni in materia di sicurezza. In particolare, nel bazar sono stati trovati due dipendenti senza contratto e sono state riscontrate violazioni in materia di salute e sicurezza e inosservanze agli obblighi del datore di lavoro circa la valutazione dei rischi, la formazione, l’informazione, l’addestramento e la gestione delle emergenze. Nei confronti del commerciante sono state registrate violazioni penali, con multe per oltre 68.000 euro, e sanzioni amministrative per 15.560 euro. L’attività commerciale è stata chiusa.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.