Napoli. Al via il progetto GENERARE FUTURO. Sostegno ai giovani talenti, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzato dal Forum Nazionale delle Associazioni Familiari in 5 regioni italiane. In Campania il progetto si svolge nella città di Napoli ed è curato dal Forum Provinciale delle Associazioni Familiari, presieduto da Oreste Ciampa, in collaborazione con l’Arcidiocesi.

Quattrocento i destinatari, selezionati tra giovani disoccupati (18-35 anni), donne e studenti dell’ultimo anno degli istituti professionali: tre target per i quali è stato costruito un percorso, interamente gratuito, che prevede incontri di orientamento al lavoro, formazione professionale e un evento finale, in sinergia con il Forum Nazionale.

Attraverso un ciclo di seminari aperto a tutti – a partire dal prossimo 18 gennaio – i partecipanti apprenderanno come affrontare al meglio un colloquio di lavoro, strutturare un curriculum, fare un bilancio di competenze, oltre a come accedere ai finanziamenti per costituirsi in impresa o in cooperativa. Inoltre potranno conoscere da vicino le eccellenze napoletane tra arti e mestieri entrando subito in contatto con il mondo dell’impresa. Fondamentale in tal senso l’apporto al progetto di brand napoletani di rilevanza internazionale tra cui il cravattificio Marinella e Michele in The World, leader nell’arte della pizza. Non senza dimenticare l’artigianato presepiale, rappresentato dall’Associazione Presepistica Napoletana e la liuteria con l’impresa di Gaetano Pucino. Tra le nuove professioni con cui i giovani verranno a contatto quella dell’operatore sportivo di base, illustrata dagli esperti del CSI.

Il progetto, che si concluderà il 18 marzo con l’evento motivazionale finale, annovera tra i suoi partner due prestigiosi istituti professionali quali l’«Alfonso Casanova» e l’«Isabella D’Este Caracciolo» ed è frutto della sinergia tra le Associazioni Familiari che compongono il Forum Provinciale di Napoli. «GENERARE FUTURO, proprio in forza della concretezza delle sue azioni» – spiega la vicepresidente Maria Pia Mauro – «è un progetto carico di speranza per questa nostra città. Per le associazioni del Forum Provinciale è una nuova scommessa in un contesto dove le politiche familiari necessitano di decollare in maniera sistematica perché la famiglia, per la quale si impegnano quotidianamente, è la cellula cardine su cui costruire una società più giusta, umana e felice».