vincenzo romano
vincenzo romano

SANT’ANASTASIA. I tavoli delle trattative del centrodestra a Sant’Anastasia sono molteplici e complessi.

Quello che fino a ieri sembrava ovvio oggi non lo è più, a sconvolgere gli animi è arrivata poi la proposta dell’ex vicesindaco Vincenzo Romano: “Primarie”. Una decisione che Romano, già fedelissimo dell’ex sindaco Carmine Esposito, ha reso pubblica dopo la giornata di incontri che si è tenuta ieri. Una delegazione di Forza Italia (Totti Sbrescia e Antonio Marciano) si è presentata dal Psi per vagliare un’ipotesi di alleanza. Probabilmente per non perdere il prezioso “alleato” e ricompattare il centrodestra Romano ha deciso di proporre le primarie, soprattutto a chi ha sostenuto Esposito fin dalla prima ora, ma che adesso non si rivede nell’ipotesi di candidare a sindaco Lello Abete (ex presidente del consiglio e nipote di Esposito). “Facciamo le primarie”, spiega Romano rivolgendosi anche e soprattutto ai 12 consiglieri comunali che presentarono le loro dimissioni portando allo scioglimento del Consiglio. “Io sarò uno dei candidati, ma non certo l’unico”, aggiunge, “Le primarie sono aperte ad altre candidature, ritengo che possano essere uno strumento utile a trovare, in maniera democratica, un sindaco unitario che permetta di far crescere e rafforzare la coalizione”.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.