“Mi hai rotto lo specchietto, dammi 20 euro”, arrestato truffatore

truffa dello specchietto sant'anastasia
truffa dello specchietto

CASORIA. Da tempo la truffa “dello specchietto” è diventata l’incubo degli automobilisti, in particolare donne e anziani soli alla guida della propria auto.

Il trucco è semplice e collaudato: un colpo all’auto di passaggio con un sassolino. L’ignara vittima si ferma per verificare cosa sia successo, a questo punto scatta la truffa: un uomo si avvicina accusando la vittima prescelta, di averlo urtato e rotto lo specchietto dell’auto. Il colpo termina con la classica “conciliazione”: il truffatore spiega che “Non c’è bisogno della denuncia all’assicurazione, bastano 50 euro in contanti e la vicenda si chiude”. Per poi scegliersi un’altra vittima e iniziare di nuovo la messinscena.

La vittima questa volta era un 75enne di Sant’Anastasia. Questi era stato fermato dal truffatore, Giuliano Abbruzzese, 42 anni di Afragola, asserendo falsamente che l’anziano con la propria auto gli aveva urtato e rotto lo specchietto del suo veicolo. E per chiudere la vicenda l’anziano doveva pagare subito in contanti il danno arrecato. Allertati da una richiesta d’aiuto pervenuta al 112, carabinieri cell’aliquota radiomobile di Casoria, sono riusciti a rintracciare e bloccare il 42enne immediatamente dopo che lo stesso, con la tecnica “dello specchietto”, si era fatto consegnare 20 euro dal 75enne. Arrestato per truffa aggravata, Giuliano Abbruzzese, già noto alle forze dell’ordine, è agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.