Giovedì 21 dicembre, al teatro San Pietro l’appuntamento con l’orchestra giovanile dei maestri D’Aprea e Todisco.

SCAFATI. Ensemble Artemus atto secondo. Dopo l’applauditissimo debutto, lo scorso 11 novembre, al teatro San Francesco di Scafati (Sa), dove le colonne sonore dei film e i grandi classici del pop internazionale l’hanno fatta da padroni, l’orchestra giovanile fondata dal maestro Francesco D’Aprea (presidente dell’associazione musicale Artemus) e dal maestro Alfonso Todisco (direttore artistico dell’Ensemble), si ripropone sulla scena con un nuovo evento musicale interamente dedicato al Natale.
L’appuntamento con è per giovedi, 21 dicembre, a partire dalle ore 20.30, nella cornice del teatro San Pietro (Scafati). Il programma di sala comprenderà una prima parte dedicata ai capolavori del repertorio classico seguita da una seconda in cui saranno protagonisti i canti tradizionali della più celebre delle festività, in collaborazione con il coro Santa Maria delle Vergini di Scafati ed il coro Santa Cecilia di Torre del Greco (Na).
Un corpo orchestrale giovane ma di alto valore professionale, diretto dal maestro Todisco, si cimenterà dunque in un repertorio musicale di notevole bellezza e spessore. L’ideale, insomma, per calarsi nell’atmosfera delle festività natalizie lasciandosi cullare dalle note della magia dell’Aria tratta dalla Terza Suite di J. S. Bach, oppure godendosi il brio della Serenata Notturna di W. A. Mozart, l’intensità dell’Intermezzo dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni e il calore che promana dai canti natalizi di Sant’Alfonso Maria de Liguori.
Natale, dunque. Ma non solo. Sì, perché i maestri D’Aprea e Todisco, oltre alla programmazione del concerto del 21 dicembre sono già proiettati verso l’organizzazione della prima vera stagione concertistica dell’Ensemble Artemus, una orchestra nata con un progetto ambizioso: la valorizzazione dei giovani musicisti presenti sul territorio, la promozione e la diffusione della musica. Da qui lo sforzo per la ricerca di partners che possano aiutarli a mettere in pratica la loro mission.
L’obiettivo dichiarato è quello di allestire un cartellone contenente tra i 6 e gli 8 eventi in cui si alterneranno concerti con l’Ensemble, concerti solistici e cameristici, concerti con solisti ed orchestra, per un arco di tempo che andrà da marzo a settembre 2018.