NOLA – Per quattro anni ha lottato come una guerriera, senza mai perdere il sorriso e la speranza, dando forza e coraggio alla sua famiglia, a cominciare dal figlioletto di appena 10 anni. Ma non ce l’ha fatta, il suo cuore, stanco, ha cessato di battere. È volata in cielo portando con sè i suoi 37 anni Carla Liberti, giovane mamma della città di Nola da cui si era allontanata anni fa per motivi di lavoro.

Era impegnata nell’esercito insieme a suo marito Marco ma nonostante la lontanza non aveva mai tagliato il cordone ombelicale con la sua adorata terra. A confermarlo i numerosi attestati di stima e cordoglio che da stamattina stanno facendo il giro del web e dei social. Era amata Carla in città e negli ambienti che frequentava, complice anche il suo carattere socievole con una forte predisposizione all’altro.

Una famiglia, la sua, stimata ed apprezzata in città. Suo zio Michele dipendente comunale, un cugino, Carlo Liberti, direttore di Villa Minieri Eventi e l’altro, Antonio Liberti, apprezzato imprenditore nel settore del wedding con la nota wedding planner Cira Lombardo.

Un lutto che lascia la città senza fiato, vittima ancora una volta della terra dei fuochi che continua a perdere giovani figli, vittime del male del secolo.

Le esequie di Carla si sono tenute stamattina, giovedì 8 agosto, alle ore 10 nel Duomo di Nola.