nola ospedale
ospedale di nola

Non è ancora chiaro se e cosa sia stato sottratto, ma l’episodio desta sospetti visti i recenti fatti accaduti nel nosocomio. Fatti documentati in un video che ha suscitato l’indignazione di molti e gettato ancora un’ombra sulla sanità campana.

Dopo lo scandalo dei malati curati a terra, l’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola finisce ancora sotto i riflettori. La scorsa notte ignoti si sono introdotti negli uffici amministrativi, mettendo a soqquadro alcune stanze della struttura.

“Chi voleva rubare?” si chiede su Facebook, il presidente della Campania Vincenza De Luca, che quando è scoppiato il caso ha chiesto di licenziare i medici responsabili dei responsabili del Pronto Soccorso e del presidio ospedaliero.

A quanto si apprende, gli sconosciuti sarebbero entrati da una finestra dell’ufficio del direttore sanitario, sospeso nei giorni scorsi dopo le immagini che hanno documentato l’assenza di barelle al pronto soccorso e i degenti sdraiati in terra.

Ora le stanze sono sigillate in attesa delle indagini dei carabinieri della compagnia di Nola, guidati dal capitano Alberto Degli Effetti, che stanno effettuando i rilievi del caso e verificando se all’appello manchino oggetti o documenti.

AGGIORNAMENTO –  Sul posto i carabinieri della compagnia di Nola ai comandi del capitano Alberto Degli Effetti. Attualmente la polizia scientifica sta ancora effettuano i rilievi. Trovati cassetti aperti, oltre a due finestre e zanzariere violate. Non è chiaro se sia stato portato via qualche oggetto o fascicolo.

DE LUCA: CHI VOLEVA RUBARE?: “Da 4 anni sono sospesi i lavori per la rianimazione: bloccato il cantiere senza atto amministrativo. La ditta avanza riserve per un milione di euro. Chi voleva rubare? La vicenda in Procura”, scrive il governatore campano Vincenzo De Luca sulla propria pagina di Facebook, parlando di un’ “operazione trasparenza” avviata dalla Regione all’ospedale di Nola. Il presidente della giunta chiede chiarezza sullo stallo nei lavori per il reparto.