TORRE ANNUNZIATA. Nominato presidente dell’Osservatorio permanente per la legalità il giornalista Giovanni Taranto. Il sindaco Vincenzo Ascione: “Una lunga carriera da giornalista di cronaca nera e giudiziaria”.

Una nomina per nulla inaspettata, anzi meritatissima per il giornalista professionista Giovanni Taranto, nominato, dal sindaco della città oplontina Vincenzo Ascione, presidente dell’Osservatorio permanente per la legalità di Torre Annunziata. Con il decreto del 28 gennaio scorso, Taranto è stato incaricato di ricoprire tale ruolo, soprattutto per l’impegno  da anni profuso da cronista per documentare i “fatti” della cronaca nera e della criminalità organizzata, in collaborazione con la Magistratura, Avvocatura, Direzione Distrettuale Antimafia e associazione antiracket. Attualmente, il neo presidente, è condirettore di Social News ed è componente del presidio cittadino “Libera contro le mafie”. In passato ha ricoperto il ruolo di direttore responsabile di “Metropolis Tv” ed è stato anche vicedirettore di “Metropolis Quotidiano”. “L’incarico che il sindaco Ascione ha voluto affidarmi  sarà oneroso ed entusiasmante al tempo stesso” esordisce il Taranto, continua:” Sono consapevole che accettare la presidenza dell’Osservatorio permanente per la legalità, richiederà un impegno e una dedizione assoluti e sono pronto a dare entrambe le cose. Ritengo che sia un compito da assolvere a tempo pieno e lavorando in modo assolutamente corale, con tutte le componenti dell’Osservatorio stesso. Mi aspetto un contributo costante da ognuna di esse, e non solo propositivo, ma anche concretamente attivo per monitorare e portare a compimento tutte le attività che metteremo in cantiere”. Il neo presidente spiega: “Già in fase di insediamento  presenterò al primo cittadino e all’intero organismo, una serie di temi che ritengo possano e debbano essere trattati al più presto. Ovviamente in parallelo metteremo sul tavolo la discussione su tutti i temi e le iniziative che la precedente incarnazione dell’Osservatorio aveva ipotizzato per appurare quali debbano essere presi in carico per la opportuna prosecuzione o sviluppo ex novo”. Taranto poi chiarisce quali saranno le sue prossime aspettative: “Mi aspetto un contributo costante e decisivo da parte dell’associazionismo, delle forze della società civile e dei cittadini torresi, perché segnalino temi, propongano riflessioni, vengano fisicamente in seduta da noi a portare istanze e testimonianze che consentano all’Osservatorio di essere profondamente interconnesso con la realtà del territorio, ed essere un organismo vivo, mai distaccato dalle problematiche reali e mai relegato ad un compito più formale che concreto. Solo così potremo sperare di essere uno strumento effettivamente utile e al servizio dei cittadini”. Intanto il primo cittadino di Torre Annunziata dichiara: “Ho deciso di affidare questo incarico, così importante e delicato ad una persona che nel corso degli anni e della sua vita professionale ha maturato le competenze e l’esperienza necessaria per affrontare quella che a tutti gli effetti rappresenta una missione. Giovanni è da sempre impegnato sul nostro territorio in attività che hanno finalità sociali e, nella sua lunga carriera da giornalista di cronaca nera e giudiziaria, ha raccontato lo spaccato di una città che a cavallo tra la metà degli ’90 e il primo decennio del nuovo millennio faceva i conti con un clima poco rassicurante, dovuto ai continui episodi di natura criminale”. Il sindaco conclude: ” Il compito affidato a Taranto è tutt’altro che semplice ma sono certo che, insieme agli altri componenti dell’Osservatorio saprà mettere in campo quelle iniziative che consentiranno di creare una connessione costante con il territorio in cui dovranno operare, offrendo un contributo significativo all’intera comunità” Intanto gli altri componenti dell’Osservatorio, che comunque in futuro potranno anche essere integrati sono, i consiglieri comunali: Maria Teresa De Martino, Maria Longobardi, Jessica Lucibelli, Maria Grazia Sannino e Pierpaolo Telese. I sacerdoti don Ciro Cozzolino presidente del presidio cittadino di “Libera” , don Ciro Esposito del Decanato di Napoli e don Antonio Carbone del Decanato di Nola. Poi Pasquale del Prete presidente dell’associazione Antiracket di Ercolano, la preside della scuola secondaria di I Grado “G. Pascoli” Daniela Flauto, la docente dell’Istituto Superiore “G. Marconi” Sceila Miceli. Nominati anche l’avvocato Valentina Mazzei e il presidente del forum dei giovani Gaetano Ruggiero e Giuseppe Pagano dell’associazione Confcommercio. Infine i sindacalisti Cinzia Massa e Matteo Vitagliano, rispettivamente appartenenti alla CGIL e CISL.