Ottaviano. Piccoli malumori nella maggioranza di governo ad Ottaviano, alcuni più palesi altri più silenti. Mentre alcuni “borbottano” senza aprirsi ufficialmente a farsi “sentire” chiaramente è la consigliera di “La Città Futura” Rosa D’Ambrosio. L’avvocato, nipote dell’ ex sindaco Giovanni e moglie dell’ ex assessore Salvatore Rianna, stamattina ha lasciato il gruppo politico con cui è stata eletta per aderire al “gruppo misto”. Lo ha fatto con una lettera molto chiara
Indirizzata, fra gli altri, al sindaco Luca Capasso. Nel pomeriggio sarà la stessa consigliera, con una nota stampa, a fare chiarezza sull’ accaduto. Accaduto reso noto dal consigliere di minoranza Felice Picariello che con un post sul suo profilo ufficiale di Facebook scrive: “Pare che stamane, Rosa D’Ambrosio, brillante consigliere comunale abbia lasciato il gruppo di maggioranza “la città futura” e si sia iscritta al gruppo misto rivendicando di fatto una propria autonomia politica. Non ne conosco ancora le ragioni ma posso immaginarle…
In ogni caso, cara Rosa, sappi che in politica come nella vita chi ha il coraggio di scegliere non sbaglia mai”. In attesa di avere chiarimenti dalla consigliera D’Ambrosio è il sindaco Capasso a sgombrare il campo da eventuali “nuvole” con una dichiarazione secca: “Il problema non riguarda la maggioranza”.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.