SALERNO. Un ottavianese illustre alla guida della sanità salernitana: l’ex sindaco Mario Iervolino è stato nominato Commissario straordinario dell’Asl Salerno. A renderlo noto, un comunicato stampa della Regione in cui si sottolnea che : “La Giunta regionale, nella seduta di oggi, ha proceduto – come già annunciato – alla nomina del dott. Antonio Giordano quale Commissario Straordinario dell’Azienda dei Colli di Napoli. Sub commissario con funzioni sanitarie è stata nominata Maria Vittoria Montemurro e Sub commissario con funzioni amministrative Antonella Tropiano. Commissario straordinario dell’Asl Salerno è stato nominato il dott. Mario Iervolino. Sub commissario con funzioni sanitarie Vincenzo D’Amato, e Sub commissario con funzioni amministrative Germano Perito”.

Enorme l’impegno che attende Iervolino, all’Asl di Salerno fanno capo: 158 Comuni. 13 distretti sanitari. 12 presidi ospedalieri. 12 dipartimenti. Migliaia di dipendenti di cui occuparsi. “E un bilancio da quasi 2 miliardi di euro (100 volte quello del Comune di Ottaviano per fare un raffronto)”, commenta il consigliere comunale uscente Emanuele Ragosta, che con Iervolino ha amministrato la città. “La nomina vale ancora di più”, aggiunge Ragosta, “considerato che da qualche mese è stata nuovamente aggiornata la lista dei soggetti idonei a ricoprire quest’incarico e che la Regione Campania ha adottato criteri altamente selettivi nella scelta dei vertici apicali”. Ed è sempre il consigliere uscente a ricordare sui social l’ampio e valido curriculum di Iervolino:

già Direttore Sanitario P.O. San Gennaro – Napoli, già Direttore Sanitario Aziendale – Asl Na 1, già Direttore Sanitario PSP – Napoli, da quasi due anni era Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera “Rummo” – Benevento.

Per non parlare del ruolo da protagonista assoluto della politica ottavianese nell’arco di un ventennio:
2 volte consigliere comunale (1985 – 1990)
2 volte assessore comunale (1986 – 1990)
2 volte sindaco di Ottaviano (2004 – 2009)

“Sarà un ottimo commissario”, conclude Ragosta, “perché rappresenta l’etica, la competenza, la preparazione, la capacità e tutto il suo lavoro, le sue energie e la sua dedizione saranno dedicate al miglioramento della sanità campana. Oggi è il giorno in cui ciò che sembrava impossibile diventa possibile. Auguri a Mario Iervolino, grande ottavianese, esempio per tutto il paese”.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.