polveri sottili
polveri sottili

Emergenza qualità dell’aria nel nolano. Capodanno inquinato con valori record di polveri sottili. Area nolana peggio di Pechino.

L’Arpac (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Campania) ha reso noto gli sconcertanti dati della qualità dell’aria registrati nell’area nolano nel giorno di Capodanno 2017.

La centralina di San Vitaliano registra il valore record PM10 di 392 ug/m.c. (+15% rispetto allo scorso anno, il 1 gennaio 2016 raggiunse 333 ug/m.c.), dieci volte il valore medio giornaliero consentito dalla legge. Per le PM2,5 inspiegabilmente sono presentati valori non validi.

Mai in Campania si è raggiunto un picco così elevato, paragonabile solo a quelli riscontrati nelle grandi metropoli cinesi!

Tutte le centraline dell’agglomerato Napoli-Caserta hanno sforato i valori massimi consentiti – sostengono i soci di Legambiente Nola.
Dal 15 dicembre l’Arpac continua a non divulgare i dati rilevati nelle aree limitrofe agli impianti di trattamento rifiuti, come lo Stir di Tufino.

Perché Comuni, Asl, Città Metropolitana, Regione, Procura della Repubblica fanno finta di niente?
Quando gli amministratori si decideranno a intervenire per tutelare la salute di tutti?