SOMMA VESUVIANA. Rassegna teatrale, corsi di recitazione e mostre il Summarte diventa il polo culturale del vesuviano. Il direttore artistico Lucio Pierri: “Noi vorremmo che il Summarte sia la casa di tutti coloro che amano l’arte a trecentosessanta gradi”.

Una rassegna teatrale da 10 e lode, quella che verrà realizzata quest’anno al Summarte con la direzione artistica di Lucio Pierri. Nomi di fama nazionale si avvicenderanno sul palco del celebre teatro sommese. Il nastro verrà tagliato dal noto attore Francesco Cicchella il 25 ottobre nello spettacolo “Mille Voci”. A novembre sarà la volta del famoso artista napoletano Maurizio Casagrande con “E la musica mi gira intorno”. Non poteva mancare un’opera immortale come “La festa di Montevergine” di Viviani dove vedremo lo stesso direttore artistico Pierri con circa quaranta attori in scena. Tra le raffinate scelte, il poliedrico artista Peppe Barra che sarà in scena il 17 gennaio con “Le follie del Monsignore”. E poi ancora appuntamento con Vincenzo Costanzo, Elio Coppola e i VesuviooperaJazz in “Sangue latino”, la dolce voce di Fabio Concato nel giorno di San Valentino e poi ancora il divertentissimo Biagio Izzo amatissimo dai napoletani. Chiuderà la rassegna il simpaticissimo attore romano Roberto Ciufoli. Inoltre in omaggio agli abbonati i Theamanapoli e la Compagnia “Teatro per noi”. Insomma una rassegna che porta in alto l’arte del teatro, frutto del duro lavoro del Summarte che durante questi anni ha regalato emozioni e successi al suo pubblico, tanto da essere annoverato tra i poli culturali più famosi della Campania. “In quattro anni al Summarte abbiamo portato il meglio del panorama italiano e campano” esordisce Pierri e continua: “Noi vorremmo che il Summarte sia la casa di tutti coloro che amano l’arte a trecentosessanta gradi”. Infatti la scuola di recitazione che si svolge nel teatro alle pendici del Somma, è tra quelle più innovative ed è organizzata dallo stesso Pierri insieme all’attrice Melania Esposito. I corsi sono rivolti sia agli adulti che ai bambini e da quest’anno, al Summarte, si respirerà una ventata di novità. Infatti i “grandi” si interfacceranno con workshop mensili tenuti da famosi artisti.

Non solo recitazione al teatro sommese, ma come una vera e propria cittadella artistica, si darà ampio spazio a tutte le discipline: da quelle letterarie a quelle figurative. Infatti il foyer, già da tempo, è un vero e proprio salotto animato da una grandissima vivacità culturale e innovativa. “Ringraziamo la vicinanza dell’Amministrazione comunale che ci è stata vicina anche quest’anno” conclude il direttore emozionato per la sfida artistica da tenere nella prossima stagione.