Rubano un cane, appello ai ladri su Fb: “Riportatecelo”

SOMMA VESUVIANA. Pochi minuti di distrazione e il cucciolo di casa, un Pincher nero di due anni, non c’era più.

Se l’erano portato via lasciando nella disperazione i suoi piccli proprietari. Così la decisione della mamma di fare un appello su Facebook, sperando che i ladri lo riportino presto a casa. “Salve a tutti”, scrive Raffaella, “stamane fuori al nostro negozio (in via Costantinopoli a Somma Vesuviana, ndr) verso le 12 si sono presi il nostro cane un Pinscher nero piccolo di due anni, è scappato fuori mentre giocava con mio figlio, è stato un attimo e se lo sono caricati in macchina e se ne sono scappati, erano due persone con il figlio in un auto vecchietta tipo Clio, colore grigio/azzurro. Moglie con capelli lunghi e un codino in testa in carne, marito anche lui in carne, con un figlio piccolo, riferito da una vicina. Non dico di presentarsi con il cane in mano, ma almeno se anche lo lascate quì fuori,lei saà tornare a casa da sola.pensate che ci sono tre bambini che stanno piangendo da stamane, se almeno avete un pò di cuore”. Si spera che chi lo ha portato via pensava fosse solo, ma sembra difficile che un cane di razza lo fosse. Se chi lo ha portato via pensasse un attimo all’affetto che nutrono per lui i tre bimbi non dovrebbe pensarci troppo.

Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.