martedì 18 Febbraio 2020
Home Cronaca S.Giuseppe/Ottaviano. Oltre 100 colpi in sei mesi, sgominata banda di ladri e...

S.Giuseppe/Ottaviano. Oltre 100 colpi in sei mesi, sgominata banda di ladri e ricettatori

SAN GIUSEPPE VESUVIANO. Scoperta e sgominata una banda di ladri che agivano in appartamenti e aziende agricole (tutti cittadini romeni) ed i loro ricettatori italiani.

Questa mattina i carabinieri della Compagnia di Lagonegro (Potenza) in collaborazione con i colleghi delle Compagnia di Nola e Torre Annunziata hanno eseguito 11 misure cautelari disposte dal Gip del tribunale potentino Vittorio Del Sorbo. I militari (agli ordini del capitano Luigi Salvati) hanno notificato sette ordinanze a persone già detenute (furono arrestati il 7 febbraio nell’ambito di questa indagine partita lo scorso settembre e coordinata dal pm Vittorio Russo), ne hanno eseguite altre cinque (compresa una che comporta l’obbligo di firma) e stanno cercando sei componenti della banda al momento irrintracciabili. Le accuse sono quelle di associazione per delinquere finalizzata ai furti e ricettazione. In carcere sono finiti Vasile Stefan Mutuiliga residente a San Giuseppe Vesuviano, Aldo Vanese, San Giuseppe Vesuviano, 47 anni, Raffaele Cammarota 66 anni di Castellammare di Stabia, Francesco Annunziata, 44 anni di San Gennaro Vesuviano, mentre per Francesco Scudieri 53 anni di Ottaviano è stato disposto l’obbligo di firma.
Nel corso delle indagini, cominciate sei mesi fa, i carabinieri sono riusciti a ricostruire circa 100 colpi eseguiti tra il potentino, il salernitano e poi l’area casertana (Vairano Scalo e Maddaloni) e il vesuviano. La banda di romeni si era specializzata nel compiere furti “in serie”, anche nella stessa notte, in case di campagna, aziende agricole e industriali in Basilicata, ma da lì si erano spostati in Campania finendo anche nel Lazio ed in Emilia-Romagna. Principale obiettivo dei ladri, in particolare nelle aziende industriali, era il rame e a volte per prenderne anche un piccolo quantitativo finivano per fare danni economici maggiori, rendendo inutilizzabili celle frigo che costavano svariate migliaia di euro. Quando non trovavano il rame portavano via di tutto: dai soldi agli oggetti preziosi, dalle attrezzature al gasolio. La merce veniva poi rivenduta, appunto, in provincia di Napoli con l’ausilio dei ricettatori arrestati stamattina. Le indagini sono cominciate da un colpo messo a segno a settembre 2013 proprio a Lagonegro, con il lavoro di intelligence i militari del capitano Salvati sono riusciti a ricostruire il modo di operare della banda. I ladri si muovevano velocemente, a bordo di auto di grossa cilindrata, per rubare in zone diverse nella stessa notte. Le indagini però continuano, sembra che la stessa banda abbia agito anche in altre nazioni europee.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.
- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Carnevale viaggia sui treni di Pietrarsa: ecco come partecipare

PORTICI. Per un Carnevale originale in cui tradizione e storia si fondono con favole, cartoni e immaginazione per un party in maschera esclusivo l’appuntamento...

Al Summarte un laboratorio di ceramica vietrese dedicato ai bimbi

SOMMA VESUVIANA. Al teatro Summarte dal 7 marzo un laboratorio di ceramica vietrese dedicato ai più piccoli. "Bimbi in arte", il nome del...

Gigli patrimonio immateriale Unesco: parte il progetto Savage dell’Università Vanvitelli

NOLA. Valorizzare i tratti distintivi della Festa dei Gigli di Nola come tradizione culturale espressione della comunità e promuovere l'arte antica della lavorazione...

Carmela De Stefano candidata a sindaco per le comunali a Casamarciano

Casamarciano - Carmela De Stefano, attuale vicesindaco con delega alla cultura e alle politiche sociali del piccolo comune del Nolano è la candidata a...

Asà Silvestrino espone al palazzo Allocca di Saviano

La presentazione è prevista per venerdì 21 prossimo a partire dalle ore 19:00 Conosciamo Oreste Silvestrino, in arte Asà. Perugino di nascita, napoletano d’adozione. Si...
- Advertisment -