breaking news

ScuolaIncanto: al San Carlo i bambini cantano Mozart

30 marzo, 2017 | by Mauro Romano
ScuolaIncanto: al San Carlo i bambini cantano Mozart
Appuntamenti
0

Anche quest’anno il progetto ScuolaInCanto ha permesso ai bambini della scuola primaria di dimostrare le proprie capacità canore e la loro passione per la lirica. Insieme ad altre scuole campane, 45 bambini di quinta elementare dell’IC Da Vinci –Comes di Portici hanno interpretato le parti corali de “Il Flauto Magico” di Mozart.

Il progetto è stato riconosciuto dal MIUR come progetto di eccellenza nell’ambito de “Il Teatro in Classe”, per “la sua valenza didattica e formativa nel divulgare la conoscenza del teatro e della musica a scuola e nel portare direttamente gli alunni all’interno di prestigiosi teatri di tradizione per far vivere loro l’emozione del teatro da protagonisti”.La regia è curata da Lisa Capaccioli, direttore artistico del progetto il Maestro Germano Neri.

Grazie al progetto didattico, come ci comunica Simona Buonaura, i bambini hanno dunque potuto imparare, cantare ed amare l’opera lirica a scuola; docenti e studenti hanno vissuto da protagonisti il fascino del melodramma. Scuola InCanto coinvolge dallo scorso anno anche il Massimo Napoletano.

Il progetto si rivolge a studenti della scuola primaria e li coinvolge con i loro docenti in seminari, incontri, laboratori a scuola e in teatro allo scopo di conoscere vita, opere, curiosità, personaggi, trama e arie di un’opera lirica. “I bambini della V elementare – spiega l’insegnante Tiziana Siena – si sono appassionati grazie ad un originale metodo didattico fondato su momenti ludici e capace di introdurli al mondo della lirica.

“Prima dei nostri bambini – ha poi aggiunto – anche noi insegnanti siamo stati avviati all’apprendimento della materia lirica abbiamo frequentato corsi di formazione tenuti al San Carlo per apprendere le tecniche d’insegnamento. Poi abbiamo coinvolto gli alunni in classe con lezioni di canto per circa 2 mesi”.

Nutritissima la partecipazione delle famiglie: mamme e nonne hanno cucito i costumi di scena e i papà si sono sciolti in commozione nel vedere i giovani tenori e soprani interpretare personaggi e animali della grande opera mozartiana.

Lascia un commento