domenica 23 Febbraio 2020
Home Politica Somma Futura scrive al sindaco: "Conferiamo cittadinanza onoraria alla Segre"

Somma Futura scrive al sindaco: “Conferiamo cittadinanza onoraria alla Segre”

SOMMA VESUVIANA. “La nostra è una città contraria al fascismo, all’antisemitismo e ad ogni forma di razzismo. Ribadiamolo conferendo la cittadinanza onoraria a Liliana Segre”. Una richiesta chiara, diretta, assolutamente condivisibile quella che arriva dai consiglieri comunali di “Somma Futura” che hanno scritto al presidente del consiglio Giuseppe Sommese e al sindaco Salvatore Di Sarno per chiedere il “Conferimento della Cittadinanza Onoraria alla signora Liliana Segre, superstite dell’olocausto, Senatrice a Vita della Repubblica Italiana”.
“Egregi”, scrivono nella loro nota i consiglieri Celestino Allocca, Umberto Parisi, Vincenzo Piscitelli, “il 27 gennaio di ogni anno è riconosciuto quale “ giorno della memoria ”, ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell’olocausto durante la seconda guerra mondiale. Una ricorrenza che scuote ogni volta l’intera umanità, rispetto alla quale nessuno resta impassibile; ci si mobilita in ogni dove per “ non dimenticare “, per fare in modo che non solo le attuali ma soprattutto le future generazioni facciano tesoro di ciò che successe, per far si che mai si spengano i riflettori su tanta barbarie. Nello spirito che coinvolge da sempre la nostra comunità e sicuro di interpretare il sentimento della Amministrazione Comunale tutta, che non fa mai mancare la sua partecipazione ad eventi e convegni, e per consolidare, perennemente, l’avversione all’antisemitismo, al fascismo
e al razzismo in genere, quale cosa migliore nell’attribuire la Cittadinanza Onoraria della nostra
Città a Colei che , attualmente, impersona tale generale sentimento, ovvero alla Signora Senatrice a
Vita della Repubblica Italiana Liliana Segre. E’ la storia stessa che narra la persona della Senatrice Segre, null’altro deve essere aggiunto per giustificare tale nobile riconoscimento, per le sue azioni di alto valore a vantaggio dell’umanità”. La senatrice fu deportata ad Auschwitz a 13 anni, separata dal padre e dai nonni, che non vide mai più uccisi in quel campo e che ora da sopravvissuta agli orrori nazisti contribuisce a tenere viva la memoria di ciò che fu l’Olocausto. Ma se la sua vita non bastasse per diventare cittadina sommese, i tre consiglieri ribadiscono quanto un gesto simbolico sarebbe importante per ribadire i valori che ispirano Somma Vesuviana e i suoi cittadini. “La nostra Città riaffermerebbe con forza”, concludono Piscitelli, Allocca e Parisi, “con atti e fatti tangibili, la sua totale contrarietà al fascismo, all’antisemitismo e ad ogni forma di razzismo. Sicuro che tale proposta verrà messa ad horas all’ordine del giorno della prossima riunione della Capigruppo, l’occasione è gradita per porgere ossequiosi saluti e ringraziamenti”.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata nel 1976 a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca che interessano la città di Somma Vesuviana e non. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”.
- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Coronavirus, irpini via da Codogno: scatta la quarantena nel Vallo di Lauro

MONTEFUSCO-LAURO DI NOLA. Sono tre le persone ritornate nei loro paesi di origine in provincia di Avellino dopo lo scoppio del primo focolaio a...

Coronavirus, Ischia vieta gli sbarchi ai residenti delle regioni colpite

ISCHIA. Una decisione che ha destato scalpore, i sindaci ischitani hanno deciso di vietare gli sbarchi sull'isola per i residenti delle regioni Lombardia, Veneto...

Coronavirus, test negativo per il paziente di Acerra

ACERRA. Negativo il test del paziente isolato presso la Clinica Villa dei Fiori di Acerra, non c’è nessun caso di Coronavirus. Confermata la sospensione...

FIPAV. Marchi di Qualità consegnati a Napoli dall’assessore Borriello

Oltre 150 presenti nella sede del Comune partenopeo tra giovani atleti e dirigenti. Borriello: “Per la Pallavolo campana è un momento di grande rilancio...

CALCIO, PRIMA CATEGORIA: REAL ANACAPRI PIÙ FORTE DELLE ASSENZE, ARZANESE SUPERATA 3 A 2

Il Real Anacapri torna alla vittoria contro l’Arzanese al termine di un match che ha visto i padroni di casa scendere sul terreno di...
- Advertisment -