SOMMA VESUVIANA. Una casa in una zona impervia della montagna a Somma Vesuviana, forse questo li faceva sentire più protetti e sicuri, ma giovedì in tarda serata i carabinieri del Nucleo Operativo di Castello di Cisterna e delle Stazioni di Brusciano e Marigliano hanno arrestato una coppia di conviventi che in casa nascondeva armi e droga. I militari hanno tratto in arresto Antonio Pinto antonio, 35 anni, di Marigliano e Giovanna Di Matteo, 34 anni, di Somma Vesuviana entrambi già noti alle forze dell’ordine. Gli uomini dell’Arma hanno perquisito la abitazione che potevano utilizzare, che si trova lungo lagno Fossa dei Leoni, ed hanno rinvenuto e sequestrato un fucile a canne mozze calibro 12 con matricola abrasa, due pistole artigianali prive di matricola, un fucile ad aria compressa alterato e un silenziatore oltre a munizioni per armi di vario calibro, 65 grammi di hashish in stecchette e bilancini e materiale per il confezionamento. Dopo le formalità Pinto è stato portato in carcere mentre la Di Matteo è stata sottoposta ai domiciliari.