SANT’ANTIMO E ROZZANO (MI). 16enne perseguitava e minacciava 14enne conosciuta sui social, dopo le indagini dei carabinieri il Gip dispone l’ingresso in comunità. Posti a sequestro pc, tablet e smartphone del ragazzo.

Un 16enne di Sant’Antimo è ritenuto responsabile di aver perseguitato negli ultimi mesi una 14enne di Rozzano (MI) conosciuta solo sui social. Dopo le prime conversazioni in chat, la ragazza ha deciso di troncare i contatti, ma lui non lo ha accettato. Ha iniziato a tormentarla e a minacciarla di morte durante le telefonate, sulla chat e su tutti i social da loro utilizzati. Ha cercato, perfino, di crearle pressione scrivendo frasi indecorose su un profilo falso creato a nome di lei e delle sue amiche. La vittima, in preda dell’ansia, ha sporto denuncia ai carabinieri della tenenza di Rozzano e le indagini sono partite immediatamente. Identificato lo stalker, i carabinieri hanno richiesto ed ottenuto una misura cautelare nei suoi confronti per interrompere l’incubo della vittima. Il tribunale per i minorenni di Milano ha così disposto per il 16enne il collocamento in comunità. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri della Tenenza di Sant’Antimo e hanno sequestrato lo smartphone, il tablet e il computer del 16enne.