venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaMocerino (Gruppo Caldoro): "Al Molo Beverello serve presidio medico"

Mocerino (Gruppo Caldoro): “Al Molo Beverello serve presidio medico”

NAPOLI. Un’esigenza evidente, ma sottovalutata: il Molo Beverello zona frequentata da migliaia di persone al giorno manca di un punto medico.

A sollevare ora il problema è Carmine Mocerino, consigliere regionale del Gruppo Caldoro che ha scritto al commissario della Asl Napoli 1 Centro, Renato Pizzuti. “Napoli è una grande città turistica”, fa notare Mocerino, “il Molo Beverello un punto di arrivo e partenza per migliaia di turisti, del nostro territorio e non solo. Da tutto il mondo, particolarmente nel periodo estivo, arrivano significative presenze”. E poi chiede a Renato Pizzuti “di valutare l’istituzione di un presidio, di un servizio a favore dei cittadini”. “Il caldo, l’eccessivo affollamento, le inevitabili esigenze che è inutile spiegare a chi ha la Sua competenza – scrive il consigliere al commissario – mi auguro possano spingere a valutare utili iniziative. Credo possa essere opportuno immaginare l’istituzione di un punto di primo soccorso, di una guardia medica. Un presidio anche mobile che possa essere il primo riferimento in caso di necessità”. L’esponente del gruppo Caldoro auspica una apertura da giugno a settembre: “Si darebbe una risposta concreta, si darebbe alla intera comunità internazionale ed alla nostra comunità un segnale importante”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti