lunedì 26 Settembre 2022
HomePoliticaGigli di Brusciano. Il presidente dell'Ente Festa: "Mi dimetto"

Gigli di Brusciano. Il presidente dell’Ente Festa: “Mi dimetto”

BRUSCIANO. A Brusciano, sabato pomeriggio 11 giugno 2016, nell’affollata sala polivalente della storica Scuola Elementare “Dante Alighieri”, con la tradizionale generosa ospitalità del lungimirante direttore scolastico, Luigi Gesuele e l’ampia partecipazione della cittadinanza nelle varie espressioni associative, di professioni, del lavoro, del mondo culturale, politico, civile e religioso si è tenuta la conferenza stampa dell’ Ente Festa dei Gigli presieduta dal Presidente Avvocato Giuseppe Montanile.


La conferenza stampa, intitolata “Un anno di …. Riflessioni e Bilanci. Un Dovere!”,è stata condotta dal giornalista e sociologo Antonio Castaldo, che fa parte dell’Ente Fetsainsiemea Michele Ruggiero, Lorenzo Cerciello e Andrea Sposito.
Sono intervenuti al tavolo della Presidenza, il Sindaco di Brusciano, Avvocato Giosy Romano, Il Parroco Don Salvatore Purcaro ed il Dirigente Scolastico Luigi Gesuele.
In platea vi erano Consiglieri ed Assessori Comunali, delegazioni dei partiti politici, i rappresentanti delle Associazioni dei Gigli di Brusciano, Croce Passo Veloce, Gioventù 1985, Ortolano 1875 e Passo Veloce 1978.
Dopo gli interventi del Presidente Avv. Giuseppe Montanile, del Dirigente Scolastico dott. Luigi Gesuele, del Parroco Don Salvatore Purcaro dalla platea sono giunti suggerimenti, domande e contributi alla riflessione riscontrati dal Presidente Montanile e dal Sindaco Romano.
L’anno 2015 quello del 140esimo anniversario della Festa dei Gigli a partire dal tradizionale riferimento il Miracolo di Sant’Antonio di Padova avvenuto in Vico Tre Santi a Brusciano il 13 giugno del 1875.
Il Presidente Avv. Giuseppe Montanile conclusivamente, rilevate le incongruenze ed il mancato rispetto del Regolamento dell’Ente Festa e la confusione generata ha affermato: “Rassegno le dimissioni perché non posso condividere chi antepone all’autorevolezza ed al rispetto delle norme una depotenziata e non credibile autorità. Visto il dissenso sugli obiettivi e la terapia da applicare io sono costretto a malincuore, perché consapevole dell’onore e della fiducia riposta in me, dal Sindaco, dal Consiglio Comunale e dai singoli comitati dei Gigli, a rassegnare le dimissioni. Per non assumere più le responsabilità di condotte avute da altri e da chi ha la caparbietà di non interrogarsi, ma addirittura difende con i denti scelte sbagliate. Fino all’ultimo momento ho cercato di far comprendere che non deve poter cantare vittoria chi continuamente sfida e disprezza le istituzioni. Pertanto, lunedì mattina formalizzerò le mie dimissioni presso gli uffici competenti”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti