mercoledì 28 Luglio 2021
HomePoliticaCoccia (Pd): "Riaprite la biblioteca, chiusa da un anno"

Coccia (Pd): “Riaprite la biblioteca, chiusa da un anno”

Sant’Anastasia. Il Consigliere Comunale del Partito Democratico Raffaele Coccia il 21 giugno ha fatto richiesta al sindaco del Comune di Sant’Anastasia, Raffaele Abete, di riaprire al più presto la biblioteca Comunale “Giancarlo Siani” di Via Arco.

La richiesta è stata fatta perché secondo il consigliere Coccia i lavori di sistemazione della biblioteca hanno riguardato soltanto le aree esterne dell’edificio e tali lavori inoltre sono già conclusi da qualche mese, e più precisamente dal Gennaio del 2016.
“Lasciando la biblioteca chiusa, si nega solo l’utilizzo alla collettività degli spazi polifunzionali. Chiedo pertanto all’amministrazione Comunale la riapertura urgente della biblioteca per renderla fruibile alla cittadinanza, e soprattutto agli studenti che in tale struttura avevano trovato uno spazio comune dove poter studiare” afferma il consigliere Coccia, che continua: “La mia esigenza di riaprire la biblioteca nasce dalle continue lamentele e disagi che i cittadini anastasiani mi stanno manifestando. Non è più possibile negare alla nostra Comunità gli spazi pubblici e quindi di tutti noi, tra l’atro, come già capitato per il Parco pubblico “Poggio Verde” oppure per l’area verde posta in Via Emilio Merone, che in questi giorni stanno pulendo, proprio per la mia insistenza presso gli uffici comunali preposti alla manutenzione”.
“È veramente scocciante – conclude il consigliere – vedere la lentezza con cui si fanno le cose. Una lentezza logorante e fastidiosa, che mi porta ad esternare con atti pubblici il mio dissenso riguardo le tante cose che non vanno in questa Città”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti