Home Politica Vince la proposta di Coccia: “Scrutatori sorteggiati tra i disoccupati”

Vince la proposta di Coccia: “Scrutatori sorteggiati tra i disoccupati”

coccia

SANT’ANASTASIA. Gli scrutatori per il prossimo referendum costituzionale del 4 dicembre saranno selezionati con estrazione manuale e tra persone che sono iscritte alle liste dei Centri per l’impiego:

una richiesta che da tempo veniva portata avanti dal consigliere comunale del partito democratico Raffaele Coccia, e più volta ostacolata dai componenti della commissione elettorale del Comune di Sant’Anastasia.
Il consigliere Coccia più in volte in passato aveva richiesto che gli scrutatori fossero estratti manualmente e non con procedura computerizzata che ha sempre destato non pochi sospetti per la trasparenza, dai cittadini Anastasiani.
Inoltre, la richiesta più importante portata dal consigliere riguardava (e riguarda) la possibilità di preparare un elenco di persone iscritte in Centri per l’impiego per assicurare un’entrata, seppur piccola, alle persone attualmente disoccupate, dando loro una priorità rispetto a chi un impiego già ce l’ha.
“Questo sarebbe solo un piccolo contributo economico che di certo non risolve i problemi” – afferma il consigliere Coccia – ma potrebbe coprire una piccola spesa in un momento difficile per molti, e ancora di più per chi un lavoro non ce l’ha.
Purtroppo avevo fatto questa richiesta negli anni passati ed anche per la Consultazione Referendaria del 17 aprile 2016, ma era praticamente passata inosservata. L’amministrazione comunale ora sembra aver cambiato idea, mi fa piacere perché non è mai troppo tardi per cambiare idea, ma dall’altra mi dispiace perché l’attuale amministrazione si dimostra ancora una volta lenta e poco attenta. Si notano dissapori e la mancanza di un progetto per il paese, che si materializza in decisioni che non arrivano, oppure quando ci sono, sono sbagliate.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento

Exit mobile version