giovedì 22 Aprile 2021
HomeAttualitàAmato e Coccia (Pd): "Il Servizio del 118 resta a Sant’Anastasia"

Amato e Coccia (Pd): “Il Servizio del 118 resta a Sant’Anastasia”

SANT’ANASTASIA. “Il Servizio di emergenza territoriale del 118 resta a Sant’Anastasia.

È di oggi la decisione della Asl Napoli 3 di trasferire il servizio di 118 dalla sede di Via Arco alla sede della Asl di Via Siano, in Sant’Anastasia. Contemporaneamente saranno aboliti i costi derivanti dal fitto passivo sostenuto dall’amministrazione presso l’attuale sede”. Lo dichiarano in una nota Enza Amato e Raffaele Coccia, rispettivamente consigliera regionale e consigliere comunale a Sant’Anastasia del Pd.
“La decisione di oggi è il frutto di una corretta interlocuzione con la nuova direzione generale e sanitaria dell’Asl Napoli 3 avviata mesi or sono – aggiungono Amato e Coccia – e che ci ha visti sempre uniti nella volontà di garantire che il servizio restasse a Sant’Anastasia pur dovendo fare fronte al necessario abbattimento dei fitti passivi.
Lo scorso agosto, dopo precedenti interlocuzioni e una interrogazione consiliare – sottolineano Amato e Coccia – abbiamo sollecitato un incontro tra Comune e direzione sanitaria dell’Asl perché si valutasse l’opportunità di ospitare il servizio presso la struttura di proprietà dell’azienda sanitaria, questo anche per scongiurare che lo stesso fosse spostato in altro territorio. A seguito di tutte le opportune verifiche tecniche e logistiche, la Asl oggi ha disposto che il servizio abbia sede in Via Siano una volta effettuati i lavori di adeguamento che richiederanno un paio di mesi. Esprimiamo soddisfazione per la fattiva collaborazione intrapresa con la dottoressa Costantini e il dottor Caterino dell’Asl Napoli 3 – concludono Amato e Coccia – per essere riusciti, insieme a loro, a garantire che il servizio restasse a Sant’Anastasia”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti