venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaConcorsi al Comune. De Falco presenta ricorso al Tar per annullare delibere

Concorsi al Comune. De Falco presenta ricorso al Tar per annullare delibere

SOMMA VESUVIANA. Sarà il Tar a doversi esprimere sui concorsi per l’assunzione di 4 dipendenti comunali a tempo indeterminato a Palazzo Torino.

Concorsi tanto contestati dall’assessore al Personale Rosanna Raia (per la scelta di procedere con lo scorrimento delle vecchie graduatorie) e che le costarono l’estromissione dalla giunta di Pasquale Piccolo, sono ugualmente contrastati dal presidente della commissione Trasparenza Crescenzo De Falco che, come aveva annunciato, ha presentato ricordo al Tribunale amministrativo per chiederne l’annullamento. A darne notizia è lui stesso in un manifesto. “Bando alla ciance”, scrive De Falco del Pd, “presentato ricorso al Tar Campania per l’annullamento delle delibere fatte dall’amministrazione che permetterebbero di assumere 2 geometri e 2 istruttori amministrativi effettuando lo scorrimento delle vecchie graduatorie fatte in epoca Allocca che penalizzerebbero i giovani sommesi “vietandogli” di concorrere ad armi pari in un “vero” concorso pubblico. A chi diserta il consiglio comunale adducendo motivazioni vaghe ed equivoche e a chi fa inciucio su Facebook rispondiamo che solo attraverso azioni concrete si possono ottenere reali miglioramenti dei servizi pubblici. L’unica opposizone all’amministrazione che alle chiacchiere preferisce i fatti è quella del consiglkere del Pd presidente della commissione Trasparenza Crescenzo De Falco”. In particolare, il ricorso presentato dall’avviocato nominato da De Falco chiede l’annullamento della delibera per i seguenti motivi “Illogicità, irragionevolezza, irrazionalità ed inoportunità dell’azione amministrativa, eccesso di potere sotto il profilo dello sviamento, erronea interpretazione ed applcazione di legge, vuolazione di legge e anche dell’articolo 24 dello Statuto comunale e violazione ed erronea applicazione del D.l. 101/2013 articolo 4”. Ma il presidente della commissione Trasparenza ci tiene a sottolineare che non si “tratta di una questione personale contro i quattro per i quali si dovrebbe procedere all’assunzione (tutti nomi noti da tempo e legati per parentele e amicizie con amministratori vecchi e nuovi, ndr), ma di voler dare ai nostri giovani la possibilità di partecipare ad un concorso pubblico”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti