giovedì 6 Ottobre 2022
HomeAttualitàA Brusciano nasce il rione Peppino Impastato

A Brusciano nasce il rione Peppino Impastato

Brusciano. Spesso si dimentica che un territorio, per fiorire e prosperare, ha bisogno di un’identità ben definita, che gli doni dignità e rispetto. Ovviamente la classificazione di un luogo, in base al numero identificativo di una legge, non facilita in alcun modo la transizione di un territorio all’acquisizione di un’identità ben definita. Qualcosa che instilli nella sua popolazione orgoglio, un senso di appartenenza ad un determinato luogo. Anzi, spesso identificare un luogo con un numero ne svilisce agli occhi degli abitanti ogni possibilità di sentirsene fieri ed orgogliosi. Nei quartieri popolari, cresciuti nella provincia napoletana dopo il terremoto, l’identificazione di un luogo con un numero, ha aiutato a proliferare del degrado e del radicarsi della criminalità. Il rione ex 219 di Brusciano ne è una dimostrazione lampante. Anche se la politica locale tentò di affrontare il problema invano, dando alle strade del rione nomi altisonanti. Nella fattispecie, non si completò il processo dando un nome univoco e identitario al rione stesso.
Certamente non è solo un nome che fa la differenza, ma è un punto di partenza per donare a una comunità già colpita da vari disagi, la forza del riscatto.
Per questo motivo l’associazione Mithril Art ODV, nel lontano 2014, ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le istituzioni e la popolazione, nello specifico in merito al tema in questione. Iniziative svolte nella ex 219 di Brusciano. Purtroppo, nonostante il fatto che donare il nome al rione non riscontrasse difficoltà burocratiche o problemi per la popolazione, l’iniziativa dell’associazione e dei partner, che man mano si sono avvicendati nel corso degli anni, è stata spesso ostacolata. Addirittura ci sono stati tentativi di strumentalizzazione da parte della politica e delle varie amministrazioni, succedutesi nel corso del tempo a Brusciano.
La prima iniziativa del 2014 “Diamoci un Nome” vide la partecipazione di varie associazioni presenti sul territorio bruscianese. Inoltre, a questa iniziativa partecipò una nutrita partecipazione popolare, segno che staccare dal rione popolare l’etichetta di ex 219 era una necessità sentita dagli stessi cittadini residenti e non nel rione medesimo. Dopo quella prima iniziativa, ci sono stati vari tentativi di non far cadere la questione nel dimenticatoio, con tante raccolte firme e protocolli.
Nel 2022 la svolta, con l’amministrazione comunale guidata dall’Avvocato Giacomo Romano. L’iniziativa diventa un vero e proprio progetto, cui aderisce anche l’associazione Psicologi In Contatto, diventando di fatto partner di Mithril Art nella realizzazione della nuova proposta: Rione Peppino Impastato.
In data cinque maggio 2022 viene protocollato ufficialmente il progetto: Rione Peppino Impastato – Brusciano, quest’ultimo preso in carico dall’amministrazione e valutato in ogni suo punto. Trascorsi alcuni mesi dal protocollo, durante la manifestazione dedicata al 30ennale del tragico attentato di Via D’Amelio, dove persero la vita il giudice Borsellino e alcuni agenti della sua scorta, viene firmato dal sindaco Avv. Giacomo Romano, dal presidente di Mithril Art Alessandro Cavaliere e dal Presidente di Psicologi in Contatto Salvatore Rotondi, il protocollo di intesa tra le associazioni e il Comune di Brusciano per la realizzazione del progetto.
“La dignità delle persone – afferma il Sindaco avv. Giacomo Romano – passa anche dal senso di appartenenza e, quindi, dell’attribuzione di un nome. Raccogliere l’istanza insita nel progetto Peppino Impastato – continua il sindaco – è stato innanzitutto rispondere a una richiesta popolare forte cui la politica non poteva più disilludere e lasciare inascoltata, da sindaco, e credo sia un pensiero condiviso da tutta l’amministrazione di Brusciano, sono onorato di posare con le associazioni del territorio e la mia gente il primo mattone per il superamento di un’etichetta brutta quale quella di ex 219”…

La realizzazione del Progetto seguirà quindi il seguente calendario/roadmap di massima:
• Giugno 2022 – avvio e preparazione protocolli
• Luglio 2022 – contatto con le scuole e progetto esecutivo
• Agosto 2022 – incontro/accordi con il terzo settore e raccolta fondi
• Settembre 2022 – inizio azioni di informazione e divulgazione scolastica e visione del film “I cento passi”;
• Ottobre 2022 – Flashmob, inizio preparazione fondo per Murale (con autorizzazione comunale) e costituzione squadra per Convegno
• Novembre 2022 – Inizio lavorazione Murale e organizzazione Convegno
• Dicembre 2022 – delibera variazione toponomastica, proseguimento dei lavori del Murale
• 5 gennaio 2023 (Convegno, Inaugurazione Murale, Targa)
• Febbraio 2023: produzione cortometraggio “Rione Impastato: per non dimenticare!”
• 21 Marzo 2023: presentazione cortometraggio e prima trasmissione webradio.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti