lunedì 3 Ottobre 2022
HomeCultura e SpettacoliA Salento (Sa) nasce la prima Repubblica dei poeti

A Salento (Sa) nasce la prima Repubblica dei poeti

Riceviamo e pubblichiamo da Theo Di Giovanni

La poesia merita il posto che gli spetta, non può essere l’esule Dea senza una terra che gli possa donare il dovuto alloro, le parole creano, il poeta è artigiano ispirato dalla forza che risiede nelle sue stesse mani, ma da secoli questo instancabile lavoratore non ha mai potuto riconoscersi in un luogo vero e proprio dove poter instaurare connessioni con l’altare che è rimasto di era in era senza tempio.

La poesia è il canto che nasce dai pori della pelle di chi percepisce la realtà non fine a sé stessa, ma quell’oltre che si estende fino alle radici del mondo, non a caso gli antichi ebrei definivano l’esercizio dei versi col termine “Shir” ovvero Canto; Aristotele nell’ opera Poetica e Retorica ci dice che la poesia non si limita a ricercare la realtà oggettiva e distaccata, ma essa passa attraverso le sensazioni del poeta, pertanto è quel qualcosa che diventa sapienza che informa e al tempo stesso educa all’ascolto delle emozioni, che aldilà di psudofilosofemi e psicologismi dell’ultima ora, da cui il poeta stesso non manca di coraggio nell’affrontare il cammino della esposizione in versi.

Poetare è l’atto quotidiano e spontaneo che non teme denudarsi e partorirsi come essere totale, dove le emozioni non giocano a nascondino. In un tempo come il XXI secolo che educa alla repressione del flusso delle energie emozionali, che impone il sorriso anche quando il pianto è prossimo a sgorgare dalle feritoie oculari, dove amare è un semplice atto di debolezza e la misericordia è considerata un buonismo a portata di mano, arriva il poeta, o quei poeti che demoliscono cattedrali di polistirolo, che abbattono relativismi iniqui, che tagliano le corde sintetiche di realtà fittizie per tale ragione l’autore dei versi è considerato sempre scomodo, quasi da averne timore.

Come si può provare ammirazione per le tombe colossali della poetica se poi non si riconosce il vento furibondo dei poeti che ancora vivono, per fortuna, sul suolo terrestre? Bene bene, qualcuno è arrivato con una idea iperuranica, ed ha fondato la Repubblica dei poeti, è Renato Ongania, classe 1978, accademico italiano, che da anni costruisce motori vettoriali per velocizzare il percorso di ogni forma del sapere.

La repubblica dei poeti “celebra la creatività umana ed è finalizzato a valorizzare la poesia ed i poeti”, per chi volesse ulteriori approfondimenti basta cercare su internet wikipoesia: la Repubblica dei poeti”, un luogo “metafisico” che ha ritrovato il proprio terreno negli animi di chi è intenzionato a rivedere nell’altro poeta i propri versi.

Il Comune di Salento, piccola realtà della Campania, in provincia di Salerno, è stato il primo a donarsi come territorio poetico, un grazie accorato e dovuto alla amministrazione, al sindaco avv Gabriele De Marco.
Il 17 Dicembre 2022 proprio nel Comune di Salento, alle ore 17, si terrà il primo congresso della Repubblica dei Poeti.
Salento quindi è il primo Comune ufficiale riconosciuto come paese della poesia.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti