domenica 26 Settembre 2021
HomeAttualitàAcerra. Sgombero di un campo nomadi abusivo

Acerra. Sgombero di un campo nomadi abusivo

Sono iniziate questa mattina le operazioni di sgombero e abbattimento di alcune baracche insediate nel campo rom abusivo, realizzato su un suolo privato, in località Candelara ad Acerra. Le operazioni odierne avviate con la collaborazione degli agenti della Polizia Municipale di Acerra hanno preso il via da un’ordinanza emessa per lo sgombero dell’insediamento abusivo; all’approssimarsi dello scadere dell’Ordinanza, infatti, alcuni degli occupanti hanno abbandonato l’insediamento abusivo, spostandosi già nei giorni scorsi in altri luoghi Regione. Nella mattina di oggi si è proceduto all’abbattimento delle baracche rimaste vuote, in condizioni fatiscenti, pericolose per chi le abitava e con poco rispetto delle norme sanitarie. Ora si procederà, con la collaborazione della ditta che si occupa del servizio di igiene urbana, alla caratterizzazione e rimozione dei rifiuti provenienti dalle operazioni di abbattimento, in attesa di completare lo sgombero dell’intero campo abusivo.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti