sabato 26 Novembre 2022
HomePoliticaAcerra, solidarietà al Consigliere di Acerra Libera Filippo Di Marco, contro di...

Acerra, solidarietà al Consigliere di Acerra Libera Filippo Di Marco, contro di lui parole violente in Consiglio comunale da un consigliere di opposizione

Acerra. Nel corso del Consiglio comunale di oggi c’è stato un vile e arrogante, quanto inutile, tentativo di offesa da parte del Consigliere di opposizione Andrea Piatto che pensava di offendere il Consigliere comunale eletto in Acerra Libera, Filippo Di Marco, rivolgendosi a lui, che gli ricordava di prenotarsi per intervenire, con le parole “il trattorino… guardalo lì il trattore”,

Come è possibile rivedere anche nelle immagini della registrazione il consigliere di opposizione, nel chiaro intento di vilipendere un collega e tutto il mondo dell’Agricoltura, che forse proprio non gli è simpatico, si è scagliato in questo insulto nei confronti del Consigliere comunale Filippo Di Marco intento solo a far presente che per prendere la parola in Aula bisogna prenotarsi.

I colleghi e la lista di Acerra Libera desiderano esprimere la più totale solidarietà al Consigliere Di Marco, oltre a stigmatizzare questi comportamenti assolutamente offensivi e violenti, verso l’organo consiliare, verso le Istituzioni che si rappresentano, verso i rappresentanti dei cittadini che siedono in quei banchi e verso tutto il mondo dell’Agricoltura, forti e ben consapevoli che la provenienza da questo mondo, il lavoro dei campi, non sono motivi di offesa o disprezzo, ma tutt’altro. Sono orgoglio e vanto del nostro territorio e di tutti i lavoratori. E viste le parole violente di Piatto, sicuramente questi sentimenti di stima e rispetto per chi si spacca la schiena nel mondo dell’Agricoltura non gli appartengono.

Da parte nostra, ribadiamo il pieno sostegno al lavoro del Consigliere comunale Di Marco. Chiediamo al Consigliere Piatto di smetterla di esprimersi con questo linguaggio violento e offensivo, già ripetuto proprio in Consiglio comunale, con espressioni violenti che nessuno di noi ancora non ha dimenticato, come “camorrista”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti