lunedì 28 Novembre 2022
HomeCronacaAfragola nella morsa del racket, 8 bombe in 20 giorni

Afragola nella morsa del racket, 8 bombe in 20 giorni

AFRAGOLA. Otto bombe, in venti giorni, esplose davanti ai negozi afragolesi. Paura in città, le dichiarazioni del deputato Andrea Caso e del Pd locale.

Afragola sotto assedio, otto bombe in soli venti giorni, l’ultima è esplosa proprio la notte scorsa dove a farne le spese una concessionaria automobilistica. Il danno, a quanto pare, ha riguardato la saracinesca dell’esercizio commerciale e un auto, ma la paura tra i cittadini è tanta e cresce in minuto in minuto. Infatti è chiara la matrice camorristica, soprattutto perché a farne le spese sono i negozi, quindi si suppone che gli “attacchi” siano a scopo estorsivo. L’indignazione del mondo della politica è tanta, uno dei primi a rilasciare dichiarazioni è stato il deputato del Movimento cinque stelle Andrea Caso, componente della commissione antimafia: “L’escalation di bombe che interessa da giorni Afragola ha raggiunto livelli di allarme preoccupanti, su cui non tarderà ad arrivare la risposta dello stato, che c’è e non resta in silenzio e valuta le opportune misure”. Prosegue “Gli abitanti di Afragola stanno vivendo ore drammatiche questi ordigni minano la quiete economica cittadina, minacciano l’incolumità pubblica e sono una sfida vera e propria che la criminalità organizzata lancia allo Stato, non lasceremo libero il campo di continuare con questi vili atti intimidatori, presto un vertice per fare il punto della situazione, intanto la Commissione Antimafia è informata e vigila sugli ultimi accadimenti”. Intanto un post su Facebook del Pd locale a firma di Francesco Zanfardino, con tanto di foto dei danni subiti dalla concessionaria, riporta: “Ancora un attentato nella mia città, Afragola. L’ottavo in poche settimane. Il problema sicurezza esiste ma si chiama Camorra. Basta con la distrazione di massa”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti