mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeCronacaAggressione a medici del 118. "Ci hanno costretti a caricare un cadavere"

Aggressione a medici del 118. “Ci hanno costretti a caricare un cadavere”

Stavolta vittima di una brutale aggressione è stata la postazione 118 di Ponticelli; intorno alla mezzanotte viene allertata per codice rosso in via Bruno Buozzi a Barra, lo scenario che si trovano dinanzi i soccorritori è quello di un frontale auto/moto, uno dei due in sella al motoveicolo (ragazzo di 16 anni ) viene ritrovato riverso a terra senza vita ,morto sul colpo.
Gli astanti (che sono in fase di identificazione) hanno minacciato il personale sanitario, li hanno costretti a caricare il ragazzo deceduto in ambulanza ed hanno danneggiato con calci e pugni il mezzo di soccorso. L’equipaggio riferisce di aver fatto allertare la polizia tramite centrale operativa 118 ,ma la volante non è mai giunta sul posto.
Le scene di panico sono proseguite all’interno del pronto soccorso dell’Ospedale del Mare che è stato inagibile per circa 2 ore.

L’equipaggio ha sporto regolare denuncia alla questura di via Medina.

Dalle dichiarazione dell’equipe sull’ambulanza:”Ci hanno costretto a caricare un cadavere in ambulanza!”. Aggressione n.57 del 2021.
“Abbiamo già superato il numero delle aggressioni totali del 2020, questo non fa altro che confermare che l’epoca degli eroi è terminata, adesso resta odio e rancore nei nostri confronti!
Il nostro pensiero va al povero ragazzo 16enne Mario Ambrosiano, conosciuto nel quartiere Barra, che ha perso la vita! Riposi in pace! Ed un fiore virtuale per lui!”
Dott. Manuel RUGGIERO
Presidente NTI

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti